PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inferno paradise

Mi è successa una cosa buffissima Gino! Oh Mario sei semplicemente tumefatto. Ma cosa ti è succeso. Una cosa buffissima, non ti preoccupare... Ma insomma, il labbro rotto, un occhio pesto, raccontami mentre ti porto al pronto soccorso! Ma che prondo doccordo, non d'è bidogno. Ti son caduti anche due denti, lo senti come parli, sanguini di brutto. Ma dai dadciami daccondade poi andiado dode duoi. Addora, mi tono metto davanti un Bancomatte, no? Si, dovevi ritirare lo stipendio, allora?

Eh, intomma. Che ritate... Ma come, ti hanno rapinato? Hai i soldi? Sei stato a fare denuncia? Ma che tenuntia, cota vuoi tenuntiare una tciena comica? Allora, infdo la mia tetteta microthippata, fattio il codice. Ma che ore erano? Ma, le tinque di mattina. E tu fai un operazione al bancomat alle cinque di mattina? Ma sei fuori di testa? Maria ti ha lasciato uscire?
Ma Madia mi ha latiato avevo betuto troppo, ma intoma mi ascolti o no?

Mi fai venire il nervoso, cosa hai da sghignazzare, ti son rimasti solo due denti ora, stai morendo dissanguato, andiamo su... sali in macchina. Ma perchè non mi ascolti. Una roba da matti! Davanti i bancomat si è crata una fila di gente un po' fuori di testa come me. Poi uno ha cominciato a spingere, io gli ho dato una gomitata e... ma mi ascolti? Insomma ne è venuta fuori una collutazione, ma non hai sentito?
Ero sotto la tua porta di casa, vicino. Lo sportello del bancomat non era attivo.

Tutti dietro di me, come pensando che ci fosse, che scherzo. Si mi hanno poi dato un paio di cazzotti, alcuni non eran di spirito, che qui sotto c' è ancora l'insegna della banca ma il bancomat lo so, è fuori uso da mesi, e la banca non esiste più.
"Dottore come stà?" "Putroppo ha perso troppo sangue, è rimasto come con un sorriso stampato sulla faccia, si tenga forte..."

Mario è morto, non ho fatto in tempo a salvarlo, maledetta la sua voglia di prender le cose sempre sul ridere, e sul far gli scherzi alla gente, e poi Maria, chi la sente ora? Aveva scoperto sicuramente che eravamo amanti... per questo ha fatto tutta quella scenata.. Bang. E Gino si spara e non resiste a quella sofferenza, ha tradito un amico per gli occhi dolci di sua moglie ed eccoli ora insieme all'inferno.

"Allora Gino, ancora a darmi del cretino? Per colpa di quella maialona di Maria, guarda dove ci ritroviamo."
"Maialona, erano anni che la tradivi, cretino! La colpa è solo tua, un giorno me la sono trovata che piangeva a dirotto. Sei un insensibile.
Ecco il forcone laser di ultima generazione nel nuovo "Inferno Paradise" girone dei cretini ciechi che punzecchia le due anime dannate.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 29/06/2012 15:18
    se la leggesse dante... ti copierebbe... troppo forte raf unico..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0