username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sur l'autre rive je t'attendrai

Non ricordo più. Le foto del mio nome scivolano tra le dita, non so più camminare. Aspetto. Aspetto e canto l'Alaska. Canto il candore delle nevi e la notte del sottosuolo, nel perenne contrasto che in tempi immemori si fece vita. Canto la memoria del viaggio, la brezza che carezzò capelli appena più che ipotetici. Lascio che un elettrocardiografo Geiger tracci il grafico dei secondi che mi scivolano addosso, mentre l'eco ovattato di un buzzer mi ricorda che fuori dalla nostra cella metallica qualcosa respira, si muove, cresce e svanisce senza lasciar traccia. Qualcosa a me impalpabile, distante anni luce dietro un plaid di lamiera e vernice. Come impalpabile è l'aria che si fa fuoco nella frazione di secondo in cui ti corro incontro. La frazione di secondo in cui la mia essenza si tinge dei sogni che divora, in cui tutto è per poi svanire tra la polvere e il rumore. Adesso non sono più, eppure siamo ovunque. Siamo il cielo che corona storie estinte. Siamo le lacrime vaporizzate sui volti cancellati. Siamo calore, siamo luce. Siamo il breve sospiro di un Sole che abbaglia e si fa chiamare mezzanotte.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Phlebas Il Fenicio il 26/09/2012 11:50
    Vi ringrazio molto
  • Vincenzo Capitanucci il 26/09/2012 11:06
    Bellissimo racconto... Phlebas... i Tuoi racconti sono un viaggio interiore... parlano mille lingue... nella ricerca di quel sole che splende nella nostra mezza-notte...

    qui la parola Alaska... mi ha riportato alle immagini di Into the Wild... potrebbe essere una pagina del Suo Supertrampico diario... da dove non potè ritornare sull'altra riva... a causa di un torrente in piena... dove Lei l'Amore l'aspettava nello splendore delle Sue luci...
  • Rocco Michele LETTINI il 29/06/2012 15:19
    Un sensibile racconto scorso con interesse...
    BRAVO MARCO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0