PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'equilibrio ritrovato!

Ce: donna totalmente pazza è arrivato il momento che io ti veda, basta rimandare, stasera ore 21:00 voglio incontrarti, decidi te il luogo. Se non accetterai nemmeno questa volta, non parleremo più nemmeno distanziati da uno schermo, come ormai facciamo da anni!
Cu: d'accordo! Stasera ora 21:00 in via " bocca" .. voglio proprio vedere se esisti, uomo con idee assurde e contrastanti dalle mie!
Finalmente si decisero, dopo svariati appuntamenti rimandati, dopo aver esaurito anche le scuse più assurde, la sera del 4 luglio 2012 si sarebbero incontrati e avrebbero potuto discutere guardandosi negli occhi, invece di digitare tasti di freddi e tecnologici pc portatili. Erano trascorsi anni da quando i due iniziarono a chattare, parlavano, parlavano di tutto e la cosa buffa è che su niente andavano d'accordo, riguardo nessun argomento la pensavano ugualmente. Il loro passatempo preferito era iniziare un discorso e far cambiare idea all'altro, a volte usando anche un linguaggio volgare e per niente amichevole. Entrambi erano increduli del fatto che da li a poche ore avrebbero incontrato l'interlocutore virtuale, compagno di sere solitarie e notti insonni passate a discutere, a spiegare le proprie idee in mille modi differenti cercando di convincere l'altro a cambiare opinione, ma ripetutamente le discussioni si concludevano con un " vaffanculo, ho ragione io. Buona notte! "
Erano le 20, 00 e all'incontro mancava un'ora esatta, in compagnia di chissà quali pensieri, paure e aspettative iniziarono a farsi belli o quantomeno presentabili. Lui, CERVELLO, si fece una doccia veloce, si spruzzò il profumo che secondo lui gli donava maggior virilità e iniziò a cercare l'abbinamento perfetto fra calzini, camicia, pantaloni, giacca e cravatta, una decisione non semplice che si concluse con la scelta di una scala di blu niente male, immancabile l'orologio d'oro al polso sinistro, un'ultima pettinata ed era pronto per incontrare lei, CUORE, che nel frattempo si era truccata e stava perfezionando gli ultimi dettagli, scelse per l'occasione un vestito rosso fiammante, una media lunghezza e piccolo spacco laterale, tacco anch'esso rosso, capelli sciolti e trucco leggero, in questo modo lei si era preparata per incontrare colui che da anni cercava di inculcargli le proprie idee riguardo a numerosi argomenti che sicuramente si sarebbero riaccesi la sera stessa!. Il luogo dell'incontro era in via " bocca" presso la famosa scalinata dell'"arcata dentale". Cervello, amante della puntualità spaccò il secondo e aspettò leggermente ansioso sul primo gradino marmoreo, dopo qualche minuto di attesa vide Cuore voltare l'angolo del palazzo di fronte, passo deciso, l'incarnazione della sensualità! Cervello si alzò di scatto, le fece un cenno e lei lo raggiunse. I primi secondi furono densi di timidezza, un " buonasera" ruppe il silenzio tanto rumoroso. I due si sederono a metà della gradinata bianca e deserta. Questa fu la loro tanto animata conversazione:
Ce: finalmente posso ammirare gli occhi della donna più pazza e ingenua che conosca, la donna che rispecchia il mio contrario in tutto e per tutto, partendo dalla bellezza, tanto quanto io sono brutto e rugoso lei invece è deliziosamente meravigliosa, fresca e immensamente bella!

123

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 19/10/2012 22:36
    Trovo questo tuo racconto fantastico. Per l'idea, originale, per lo sviluppo della trama, in stile di "sogno" come fosse un vero sogno", per il ritmo e la correlazione dei due personaggi nel loro dialogo. E la coerenza della storia dall'inizio alla fine. Solo da un punto di vista formale, ovvero di layout, dovresti dividere forse in "parti" con delle interlinea, anche semplicemente con un metrica numerica (che ne sò quindici righe o un numero in base al totale delle righe pubblicate) per permettere a chi legge di assimilare il racconto in modo che gli si posi nel suo immaginario. Bravissima. Complimenti!

3 commenti:

  • augusto villa il 07/07/2012 11:47
    È davvero un bel racconto, molto originale... Bravissima Marzia!
    Eh... Sarebbe molto bello se quei due si mettessero assieme... ma mi sa tanto che sono sulla strada giusta... ahahah...
    Hanno parlato senza litigare questa volta... ed hanno raggiunto anche un accordo comune!!!.. Mica roba da poco!.. Lascia che si vedano anche alla luce del sole... mentre Marzia è sveglia.. ahahah...
    Quei due, in coppia, saranno una potenza... e per di più ti vogliono un sacco di bene... e TE lo sai!!!.. ahahah
    Ciao Marzia... Racconto piaciutissimo! ---
  • marzia il 05/07/2012 21:58
    grazie mille.. eeh le "sviste" sono il mio punto debole!
  • Anonimo il 05/07/2012 21:54
    Marzia, è un gradevolissimo racconto! Riguardalo un attimo per sviste sicuramente dovute a distrazione. Fantastico in tutti i sensi!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0