PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una storia come tante

Carlo un tipo simpatico, bello relativo, capelli mossi e lunghi, quasi biondi. Un bel fisico asciutto e muscoloso, tanto basta per attirare l'attenzione delle ragazze in spiaggia. Giulia, una ragazza bionda di media statura, con modi gentili e accattivanti, semplice nel suo insieme e ben disposta alla evasione.

Uno sguardo attento verso gli altri, ma trasparente per se stessa tanto da mostrare tutta la sua fragilità. Carlo decide all'ultimo momento di passare le sue ferie con una sua compagna universitaria la quale nei suoi confronti nutre oltre alla stima una grande attrazione. E quale migliore occasione passare le ferie assieme.

Giulia, con crudele premeditazione da vera spacca cuori verso la sua amica di sempre, decide di consumare il diabolico omicidio proprio durante le ferie. Confessare il tradimento della sua amicizia e l'infedeltà del suo ragazzo.

Le conoscenze comuni di Giulia e Carlo favoriscono il loro incontro. Un fulmine. Una simbiosi assoluta, una complicità penetrante, la ricerca della libertà nel mare sconfinato. Nasce l'amore tra loro e per queste sensazioni che li accomuna. Sfuggono tutti i piani delle varie premeditazioni. L'evasione è totale e i giorni passano veloci.

E per conoscersi meglio. Giulia racconta a Carlo la sua vita. I periodi che precedono le ferie, le sue debolezze, il rapporto con la famiglia fino ad arrivare al tempo del campeggio. ecc. ecc. Idem fa Carlo.







Giulia e Carlo sono seduti sui scogli e si tengono per mano. Ormai è il tramonto e a conclusione della bella giornata la tenda è il luogo sicuro per viaggiare con la fantasia. Cominciano a scriversi le varie promesse, passa tutta la notte e inizia l'alba e loro sono ancora a scrivere e a baciarsi per rimanere svegli.

Immaginano, che ogni uno rientra nella propria città. Le lettere, le telefonate, i ricordi di una storia bellissima, che piano, piano si frantuma, al punto di non avere più colore. Gli incontri quasi rubati alla realtà di tutti i giorni annebbiano quella poesia che li distingueva dai coetanei.

E come tutte le storie belle e fragili si rompe, senza conoscere i motivi reali, ed il rammarico che l'estate non dura tutto l'anno, e l'anno dopo, e così via.

La quotidianità prende il sopravvento e per trenta anni i due innamorati ormai nemmeno più amici, si sono sposati, hanno i loro figli, ed anche i nipoti. A dimostrare che la vita è vita tutti i giorni...

12

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/04/2013 15:57
    Racconto ben scritto ed impostato nella trama. Il profumo dell'amore si sente ad ogni età, risvegliando ricordi che, spesso, si vorrebbero rivivere, pur avendo già fatto qualche passo nella vita. Se le circostanze lo permettono, come han deciso i protagonisti, ogni momento può nuovamente essere provato, grazie ad una reciproca intesa e complicità, ed alla fine, resta UNA STORIA COME TANTE.

1 commenti:

  • stella luce il 26/03/2013 17:39
    ops mi sono letta prima quella comica... ma devo dire che qui è molto meglio... un racconto simile ad un sogno che da sempre serbo nel cuore e sai adesso che ci penso non sono passati 3o anni ma quasi... chi lo sa se mi accadrà la stessa cosa??? di certo quando vi è una certa complicità tutto può tornare... tutto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0