PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Le tre croci bianche

C'è uno scorcio nella mia città che mi ha sempre sedotto. Destava in me un fascino ipnotico e al tempo stesso mi manifestava un influsso malefico, quasi palpabile. Ne ero attratto.
Si trattava di un antico muro in mattoni con incastonate, nella parte superiore, tre croci di marmo bianco. Non è un monumento in particolar modo interessante, ma è la sua leggenda a renderlo intrigante, almeno per me.
É un mito che pochissimi conoscono. Me lo raccontò il mio bisnonno quando avevo nove anni e da allora quella credenza si è impressa nella mia mente come un marchio indelebile.
Il mio eccentrico bisavolo mi raccontava che se una persona si fosse inginocchiata davanti al muro in una notte di nebbia e avesse recitato una certa formula, malefici spiriti interposti tra il mondo delle tenebre e quello degli uomini, avrebbero scavalcato il tramezzo venendo a portare a termine la loro spietata missione. Ebbene io possedevo quella formula, l'avevo trovata nel solaio del bisnonno.
Nella follia della mia giovinezza, decisi di tentare l'esperimento.
Una notte di novembre, mi inginocchiai davanti al muro immerso in una densa caligine. In realtà non ero molto convinto.
Recitai la formula, ma a circa metà dovetti interrompermi.
Un fruscio improvviso attirò la mia attenzione, proveniva dalla cinta del muro. Continuai.
Mormorii. Alzai lo sguardo. Facevo fatica a vedere, causa la nebbia, ma riuscii comunque a notare qualcosa. Era molto simile ad un grosso ragno nero e peloso che tentava di scavalcare il muro.
Mi sforzai di guardare meglio, non era affatto un ragno, ma una mano rinsecchita.
Ero impietrito dalla paura e il terrore totale si impossessò di me quando vidi comparire un volto scarno e deforme, non riesco a descriverlo. Scappai.

A due anni da quell'arcano episodio, gli esseri stanno ancora scavalcando il muro, l'invasione continua.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ognibonus il 01/08/2012 15:21
    Poe non centra, al limite Lovecraft.
  • myatyc myatyc il 01/08/2012 12:55
    snuso qualcosa di Poe...
  • Ognibonus il 18/07/2012 12:38
    Ti ringrazio per il commento. Avevo scritto la storia per un concorso di racconti "bonsai", ma poi non ho mai partecipato. Ho pensato di svilupparla ulteriormente, in modo da allungarla, ma al momento penso che la lascerò così.
    Ciao e grazie ancora.
  • Ellebi il 17/07/2012 15:20
    Bravo, hai posto le premesse, ora però devi raccontarci a che punto è l'invasione.
    Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0