PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un racconto

La corriera procedeva con tranquillità sospetta lungo la strada statale. Nessuno che ci precedesse o che ci stesse seguendo. Il traffico era concentrato tutto nell'altra corsia, in direzione opposta. Strano, quella strada con il tempo era divenuta d'importanza secondaria, e non ricordavo di avervi mai contato tanti mezzi come quel giorno. Sembrava di vedere una riedizione delle domeniche al mare sulle strade degli anni sessanta. Sembrava a metà, però. Come già detto, nella nostra via c'eravamo solo noi.
Quello che più m'inquietava, però, era il comportamento delle poche persone che si potevano scorgere a terra, lungo la strada, davanti alle loro case, nei campi. Avevano tutte una gran fretta. Di andarsene. Tutte verso la medesima meta. Lontano da dove ci stavamo dirigendo noi. La mia preoccupazione poi stava raggiungendo livelli parossistici nella constatazione di un'ambiguità di fondo che all'inizio non avevo notato, ma che ora era in totale evidenza. Gli altri passeggeri, impegnati ognuno nelle diverse occupazioni d'uso durante un viaggio, chi a leggere, chi a guardare il paesaggio, chi a confabulare con il vicino, erano tutti, nessuno escluso, tranquilli. Sembrava che quello che stava succedendo fuori non fosse cosa per loro, come se non appartenessero a quella realtà. Forse era vero, forse ero io ad esagerare, forse non riuscivo ad interpretare bene le immagini che stavo vedendo. Forse è così che si presenta la follia.
La poltrona al mio fianco era vuota, così anche quelle della stessa fila sull'altro lato della corriera. In quelle davanti c'erano un uomo e una donna di giovane età, forse una coppia di fidanzati a giudicare da alcune frasi che ogni tanto giungevano alle mie orecchie. Probabilmente non si erano accorti di niente. Come tutti gli altri, chiosai. Decisi comunque di lasciarli stare, e visto che anche i posti dietro erano vuoti, mi alzai in piedi e con studiata lentezza esplorai l'interno della corriera come se stessi cercando un'altra sistemazione. La individuai in una poltrona vuota tre file più indietro. Su quella al lato del finestrino era seduta una bella ed elegante signora. Mi sedetti al suo fianco, dopo averle chiesto e ottenuto il permesso, con nessuna remota intenzione aliena a quella prioritaria di ottenere il suo parere su quello che stava succedendo. Il risolino soffocato di due ragazzi che stavano studiando le mie mosse fin da quando mi ero alzato in piedi mi confermarono che le mie intenzioni erano state travisate.
Nel tentativo di assumere un contegno adeguato, aprii il libro che tenevo in mano, e fingendo di leggerne il contenuto lo usai come paravento per spiare le occupazioni della bella sconosciuta. Quest'ultima, per suo conto, sembrava completamente assorta nella contemplazione del paesaggio che andava dispiegandosi al di fuori. Presi l'iniziativa.
"Strano, però!"
Un lungo respiro, come se avessi distolto la sua attenzione dalla visione di un'opera di chissà quale artista, precedette la sua risposta.
"Potrei usare molti termini per definire l'infinita bellezza di quelle campagne, ma strano lo trovo decisamente inadeguato."
"No, io... in effetti mi riferivo al traffico nell'altro senso, oltre alle persone che sembra stiano scappando da qualcosa."

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • stella luce il 21/07/2012 11:44
    molto bello e coinvolgente... la follia... sai mi chiedo spesso cosa pensano dei "normali" coloro che vedono il mondo in modo diverso da noi??? appunto ci vedono strani!!!!!! bravo
  • augusta il 19/07/2012 15:13
    mi è piaciuto e molto letto fine alla fine con suspence...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0