PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'estate del mio primo batticuore -Parte 1-

"Eravamo insieme, tutto il resto del tempo l'ho scordato" diceva Walt Whitman. Aveva pienamente ragione! Non mi ero mai innamorata prima dell'estate scorsa. Ero piuttosto cinica verso un sentimento che aveva fato soffrire tante delle mie amiche, eppure avevano appena 13 anni! Non ho mai voluto innamorarmi per paura di finire come loro... Mi dite cosa c'è di sensato nel restare un sabato sera a piangere nel proprio letto invece di uscire con le amiche? E per cosa poi? Per la rottura di una storia con un ragazzo che conosceva da appena qualche settimana! Oddio anche se erano mie amiche devo ammetterlo: mi facevano pena! Così rifiutavo tutti gli inviti al cinema, alla gelateria, alla caffetteria, ai concerti proposti dai ragazzi. Oh scusatemi tanto! Non mi sono ancora presentata. Mi chiamo Kelly e voglio raccontarvi la storia della cosa più bella che mi sia capitata in tutta la mia vita, voglio parlarvi dell'estate del mio primo batticuore. Lo so, posso sembrarvi lunatica perchè prima ho scritto che ho sempre avuto paura ad innamorarmi eppure è successo, ho lasciato che accadesse...
Tutto ebbe inizio l'estate scorsa. Mi ero da poco trasferita a Milano per qualche settimana da passare dai nonni materni. L'idea di essere lontana da casa e dalle mie amiche mi rattristava non poco, però, essendo minorenne dovevo lasciare che i miei genitori decidessero per me. Dopo aver disfatto le valigie, andai a farmi un giro al centro commerciale. Mi fermai a guardare un vestito rosso in una vetrina di "H & M" e poi come mi girai un ragazzo sbadato mi venne addosso, perse l'equilibrio e mi fece cadere. Presi una bella botta alla testa. Gentilmente mi aiutò a rialzarmi, si scusò e mi raccolse la borsa da terra. Io mi incantai a guardarlo: era il ragazzo più bello del mondo, anche se sbadato! Era biondo, occhi verde smeraldo, un sorriso smagliante, poco più alto di me... insomma molto affascinante! Peccato che quel momento durò meno di trenta secondi. Lui continuò per la strada ed io per la mia.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 01/08/2012 16:08
    Aspetto ansioso il seguito per plaudir il Tuo "tempo delle mele"...
    Scorrevole nella sua passione infusa...
    CIAO ELISABETTA

1 commenti:

  • denny red. il 02/08/2012 01:51
    Passo.. al secondo passo Ely, e vediamo che succede per la strada..
    Arrivo subito.. Ely, il tempo di voltar pagina..
    E.. vediamo..
    Per ora mi sembra che è tutto ok
    questa tua estate..


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0