accedi   |   crea nuovo account

Ad un'amica

Avevo un'amica, la mia prima vera, la mia sola amica...
Restavamo pomeriggi interi insieme a giocare, una fila di denti bianchi, sorrideva, viso da bambola, mi ascoltava, la ascoltavo.
Spesso restavo in casa con lei e non uscivo mi raccontava, le raccontavo favole e poi volavamo in cieli sconfinati.
Avevo un'amica vestita di pizzi, ma poi si cambiava e indossava abitii diversi, giocavamo alla guerra senza conoscere la sua cattiveria, pomeriggi ad ascoltare la voce della pioggia, ogni goccia un suono, sotto il sole a cercare tra l'erba dove si nascondevano i sogni, quelli smarriti dai grandi, come mazzi di chiavi arrugginite dimenticate.
Era sempre primavera e anche gli inverni non pungevano con il loro freddo anche se quel sogno finì a mezza estate dietro il finestrino di una macchina che si allontanava. Era ora di crescere, di partire per la vita... quasi come fosse una battaglia senza ritorno, quante volte sono tornata e l'ho cercata...
dentro una fotografia, in abiti dismessi in una casa abbandonata, una bambola senza più occhi, quella che cantava le canzoni che raccontava fiabe, non era stata sincera ed io l'avevo già tradita, una maglietta che non mi entrava più... con una scritta su... be happy... e un viso che sorrideva
Ho avuto tante amiche ma nessuna come lei... anche se alla fine si resta sempre soli, anche se prima o poi c'è sempre chi ti tradisce o forse tradirai qualcuno, non è facile essere veri, non è facile sbagliare e saperlo ammettere, non è facile quel gioco che si faceva quasi per gioco... correre in cima alla salita, con lei sulle spalle, la vita.
Strana cercarla ancora, una sposina sull'altare la sua prima comunione, quel giorno al mare, sguardo ribelle e sempre imbronciato, l'adolescenza venne e la prese per mano, con lei voleva andar lontano, ma poi si resta sempre qui... su quest'altare a dire si... una festa, un giorno, una vita...
e quel che resta una fotografia...
e quella fitta al cuore... proprio adesso che scrivo di lei... oggi che non ci sei
... mia fantasia...

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/08/2012 10:35
    Un'amica in una fotografia è la prima-vera ritornata con i suoi profumi e le sue armonie...
    Un'emozione ne l'emozione queto Tuo tenero racconto...
    CIAO LAURA

2 commenti:

  • Anonimo il 02/08/2012 13:29
    Concordo con Giacomo: quel ricordo è ancora molto presente. Non concordo, invece, te lo dico con amichevole schiettezza, con il tuo pessimismo: certo, non è facile essere autentici, ma tendere a realizzarlo è la più grande e preziosa soddisfazione della vita. E non è vero nemmeno che sempre si finisca col restare soli, anche se certamente, in compagnia della nostra coscienza, in ultima analisi, non ci siamo che noi e questo, però, è il nostro vero valore che merita il suo prezzo. Non si è, però, soli nemmeno se non si è egoisti, se... si ama amare, comunicare, donarci. E, soprattutto, ACCOGLIERE. DAVVERO.
    Un abbraccio. Vera
  • Anonimo il 02/08/2012 10:33
    C'è una sorta di contraddizione in questo brano perchè l'amica fantasia è ancora accanto a te, lo dimostra questo brano. Forse le storie della vita hanno cercato di annientarla... ma è dura da sconfiggere e nei momenti più brutti sa riemergere, rinascere come l'araba fenice. ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0