PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quasi ferragosto

Io porto la carne ed io la brace, il formaggio di fossa il pecorino e chi ha spazio ci ospita, basta stringersi un pochino... eccoci qui puntuali come lui puntuale ferragosto come sempre... chi apparecchia, chi taglia il pane, chi sventola la brace... chi parla parla e non smette più, e per fortuna chi tace e poi ci si ritrova qui a raccontar di noi, della nostra vita, i nostri cambiamenti, continui adattamenti... chi ha traslocato chi ha cambiato lavoro, chi ascolta in disparte fuori dal coro, chi c'era ha lasciato un posto vuoto pieno di nostalgia una stella è appena caduta e lascia la scia
Lacrima che solca il viso del cielo
un desiderio... cresce la nostra vita troppo in fretta, e tu lavori troppo hai bisogno di riposo dammi retta... strano trovarsi da bambini a genitori e poi da genitori passare il testimone ai figli... una vecchia chitarra scordata riporta le note di una canzone... cantare Battisti è sempre un'emozione... la casa dietro le finestre ci spia coi suo occhi ascolta i nostri discorsi nel buio, un lampione fioco acceso... la brace ora è spenta e si è fatto tardi... di lontano i fuochi di artificio e la fine di una festa... una maglia sulle spalle è già un brivido... il tempo di raccogliere quello che avanza, di spegnere la luce in quella stanza, si spengono le voci solo i grilli restano a cantare, ognuno si riprende in spalle il presente
ferragosto è già in alto mare... una vela che si allontana... un'altra estate... da ricordare

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 09/08/2012 12:19
    Nella calura di agosto si susseguono a frammenti spicchi di vita riguardanti cicaleccio inutile, trasformazioni, cibi, buona musica e bilanci su quello che c'è e quello che dovrà arrivare per noi ed i nostri cari. Poi tutto finisce e si torna al quotidiano.
    Fuori dagli schemi.
  • Rocco Michele LETTINI il 03/08/2012 05:37
    Toccata e fuga... tutto in un breve fantastico racconto...
    Questa è arte... e del Ferragosto solo un piacevole ricordo... consegnato di mano...
    IL MIO PLAUSO... CIAO LAURA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0