PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Franco

Il natante lasciò il porto, lento nel suo moto, era oltremodo carico, quella missione era importante, si dovevano recuperare dati sul naufragio. La compagnia di assicurazione non voleva ripagare il danno, dicevano che c'era alla base un errore umano davvero ingenuo. Giunsero sul sito, tutte le manovre furono compiute con tecniche perfette, il mini-sub fu immerso in acqua e il piccolo equipaggio salì a bordo, iniziò la lenta discesa nelle profondità marine. Solo cinque persone a bordo, Luca, il timoniere, occhi sempre in movimento; pareva che non si fidasse dei compagni ma così non era, Luca era un vecchio lupo di mare, sapeva che bastava un nulla per compromettere il tutto e la loro vita stessa.
Filippo, il navigatore, aveva le rotte tracciate nell'anima, lui conosceva quegli anfratti come l'interno delle sue tasche, anche lui amava e temeva il mare, non lasciava nulla al caso, anche se era sicuro, ricontrollava mille volte la rotta che stava percorrendo.
Poi c'erano i tre sub, due di loro, Marco e Mario erano esperti, sapevano muoversi in quelle profondità; Marco e Mario si guardarono negli occhi consapevoli del loro lavoro e del rischio che correvano e all'unisono si voltarono a guardare il nuovo venuto, Franco, un ragazzotto tutto muscoli, nuovo di zecca, infatti, quella era la sua prima esperienza lavorativa fuori la scuola di sub. La sicurezza di Franco incuteva terrore negli altri, pareva che trattasse il suo lavoro con una superficialità eccessiva.
Il mini-sub raggiunse la sua meta, Marco e Franco indossarono i boccagli delle bombole d'ossigeno, entrarono nella camera di decompressione e, dopo un po' si ritrovarono nelle immensità del mare. Marco teneva d'occhio il suo compagno, sapeva che un suo sbaglio sarebbe stato un errore per tutti e, proprio questo suo zelo non gli fece scorgere la sagoma affusolata di uno squalo. L'attacco dell'animale fu rapido, quelle possenti mascelle troncarono di netto i tubi dell'erogatore. Tutto si svolse con una sequenza supersonica, Franco si ritrovò di nuovo sulla scaletta della camera di decompressione, si voltò indietro e tese il braccio afferrando la mano dell'amico. In quell'attimo stesso Franco divenne un anziano, quella sua presa salda alla mano del compagno divenne la sua condanna. Marco fu preso dalle convulsioni, stava morendo, i suoi polmoni non ressero, i suoi spasmi si ritorsero sul giovane amico che, atterrito serrò la sua presa, nella sua giovane mente sentenziò la possibilità di salvare il compagno riportandolo semplicemente a bordo del mini-sub, e nell'intimo della sua anima sapeva che era tutto inutile. Lo squalo aveva tranciato i tubi dell'aria e aveva portato via una parte di spalla; il mare, ora, era rosso.
Son passati molti anni da quel giorno, tutti conoscono Franco, ogni mattina si reca in riva al molo, si siede sul bordo e tende il braccio, lui aspetta ancora che Marco risalga su da quel mare infinito.

 

1
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 08/08/2012 08:41
    La descrizione di una missione pericolosa che ha un tragico
    epilogo. I cinque personaggi sono ben disegnati nell'aspetto psicologico, fa riflettere l'iniziale baldanza giovanile di Franco, segnato fisicamente dalla tragedia, che solo ora è davvero uomo con un amico in più da ricordare.
  • Rocco Michele LETTINI il 07/08/2012 19:40
    Una toccante cronaca di una fine in diretta...
    Dalla chiusa un immutato dolore... l'aspettare silenzioso di un risalir da quel mar infinito...
    Commosso lodo il tuo sensibile firmato... CIAO BRUNA
  • laura il 07/08/2012 17:36
    racconto molto intenso. Mi è piaciuto tanto, emozionante, l'ho letto con untuffo al cuore. scritto molto bene e descrive in maniera esemplare la tragicità che si stava consumando. Franco da persona sicura e forte si è ritrovato ad essere un uomo che non ha avuto la possibilità di salvare un suo collega, un uomo che sente sul suo corpo la sconfitta. Ci sono esperienze che ci cambiano la vita. Lui continua ad andare in riva del molo tende il braccio e spera che la mano del suo amico si unisca alla sua e aspetta di tirarlo su vivo! Bella veramente complimenti

4 commenti:

  • salvo ragonesi il 03/09/2012 11:33
    una storia verosimile. piaciuta. salvo
  • Massimo Bianco il 12/08/2012 09:44
    Ho rivolto un occhio attento al tuo valido racconto e devo dire che la tua tecnica di scrittura sta decisamente migliorando. Ottimo poi il finale, migliorabile invece secondo me la costruzione della suspence durante lo svolgimento. Che i 5 personaggi siano tutti ben disegnati nell'aspetto psicologico come sostenuto da qualcuno mi pare giudizio troppo generoso per così pochi cenni, comunque ok. Ciao.
  • Ellebi il 08/08/2012 01:09
    Racconto limpido e toccante. Complimenti.
  • bruna lanza il 07/08/2012 18:46
    grazie Laura... di cuore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0