PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Riflessione sul costume da bagno

Al mare ed in piscina oramai si vede di tutto. Un bene? Un male? Non so. La varietà dei corpi poco coperti, lascia intravedere la storia - soprattutto alimentare - delle persone. Tranne qualche vecchia signora over size contenuta a stento dentro costumi interi, rigidi come corazze, e dalle coppe misura sesta, direi che la maggior parte delle donne e degli uomini si accetta e si scopre per quello che è. Oggi, molto più che non vent'anni fa, le donne con i loro difetti, e a tutte le età, si mettono in due pezzi e bikini. Certune signore già ultrasessantenni, anche se rinsecchite, osano la mutandina bassa. Ragazzi con lombi matronali e inspessiti da Mc. Donald girano in pantaloncini con la cinta sotto l'ombelico, fanciulle con coscione cellulitiche - a sedici anni- sculettano felici dentro minuscoli slip e uomini sui cinquanta espongono stomaci gonfiati da abbondanti libagioni. A me tutto questo mette una certa allegria. Infatti, al di là del senso estetico che forse certuni riterranno poco vincente, questa esposizione senza reticenza è la miglior risposta al battage mediatico e televisivo per cui solo i " perfetti", i "magri" hanno diritto di indossare il costume da bagno e per di più succinto.
Le persone sono quelle che sono, magari individualmente interrogate potrebbero anche riconoscere che eh sì, sono sovrappeso, ho la cellulite, ho la panza, ho il seno cadente, ma quando sono tutte assieme in spiaggia o sui murazzi esse " osano" e se ne fregano, alla faccia delle veline, dei modelli di Versace, dei palestrati. Di tutta quella assurda aristocrazia del "peso forma " che li vorrebbe annientare ed allontanare dalla saga estiva. Al mare la democrazia rimonta. Per non parlare poi della tristezza delle donne rifatte i cui seni immobili come meloni, distaccati e fermi come bocce, appaiono assurdi ed innaturali in mezzo a tanta carne spesso molle e sofferente. Personalmente anche quest 'anno mi rimetto il due pezzi ( nuovo di zecca) ... vedo che, al confronto anche impietoso, " reggo" !!! Buone vacanze a tutti...

 

1
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 14/08/2012 15:13
    ahahah! Stupendaaaaaaaaaaaaa... ew la democrazia da spiaggia!... davvero godibilissimo testo!

7 commenti:

  • salvo ragonesi il 06/09/2012 10:56
    riletta, ancora apprezzata. un sautosalvo
  • mauri huis il 06/09/2012 10:36
    Tutto bene amica mia, a patto che il senso estetico non venga rovesciato. E resti nella misura e nella sobrietà che elevano lo spirito. Poi ognuno è come è, l'importante è non sbracare. Complimenti per il testo e per la "tenuta". Mauri
  • salvo ragonesi il 25/08/2012 14:30
    ognuno se la fa a modo suo, n'iuno è tenuto a dar conto belle riflessionibella descrizione. salvo
  • Ellebi il 14/08/2012 16:02
    Son felicissimo che non stai con Michael Bloonberg. Buone vacanze.
  • Anonimo il 14/08/2012 15:17
    Condivido appieno!!! Mi piace molto questa riflessione, cara morry. La gente si preoccupa troppo del lato esteriore, dovuto, ovviamente, dal contagio mediatico-televisivo. Talvolta, bisogna accettare i propri difetti, fisici e non. Buone vacanze anche a te!
  • Anonimo il 14/08/2012 13:58
    Fortissima riflessione, condivisa pienamente! E poi, se uno si sente un po' insicuro del proprio corpo, in mezzo a uno spettacolo così variegato e straripante non può che rinfrancarsi Un bacione!
  • vincent corbo il 14/08/2012 13:25
    Simile allo spettacolo delle spiagge della Trinacria. Anche a me diverte molto il fatto che la gente se ne infischi della linea. Saluti dal sud e buone vacanze se non sei già rientrata in laguna.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0