accedi   |   crea nuovo account

Il treno

Aspettava un treno che sembrava non arrivasse mai, un grande orologio circolare era fermo sulle cinque di un giorno dimenticato dal tempo.
Gli venne in mente che nacque proprio a quell'ora di tanti anni prima. Sorrise amaramente, era passato tutto troppo in fretta, o aveva sprecato la propria vita, come tanti. Aveva aspettato troppi treni nella sua vita e aveva rincorso quelli sbagliati.
Un fischio lacerante interuppe i suoi pensieri, un treno in transito che attravarsava la stazione senza fermarsi si avvicinava a grande velocità. Sorrise, un dolce pensiero gli avvolse la mente, sentì le mani di una donna sul suo volto, sentì il calore di quei ricordi.
Decise di non aspettare ancora, per una volta decise di prendere in mano la propria vita e di scagliarla con rabbia contro quel fischio lacerante.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 27/08/2012 03:58
    drammatico ma bello aprezzatissimo
  • Ellebi il 27/08/2012 00:02
    Racconto brevissimo che narra una storia drammatica completa. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0