accedi   |   crea nuovo account

Selena

Fonzo purtroppo ha un'antagonista; si chiama Selena, fedele al suo Satana, come libellula vola tra il cuore e l'anima, portando però solo scompiglio e nient'altro.
Albergando anch'essa in quello stesso corpo di Pompeo detto Don, i sorci verdi fa veder e se la sghignazza con gran piacer.
Spesso su di lei Fonzo la meglio ha, ma una piccola distrazione de lo stesso, mette il Don nei guai.
Bellissima ne lo suo graziato corpicino, con due tette e dolci curve ai fianchi, provoca pur lo santo.
E il Don disorientato, qualche volta si lascia andar, per finir poi ammonito da lo Fonzo in guardia sempre.
Ma questo buon folletto, qualche volta na penichella se deve pur fa, e qui Selena ne approfitta per portar Pompeo a la sconfitta.
E non è da molto, infatti, che peccato ha, disonorando se stesso e i cari suoi.
Ma grazie a Fonzo, che pur ancor gli occhi stropicciandosi, non le sfugge la mancanza, Pompeo in salvo mette e Selena allontana in grande fretta.
Ma il giorno dopo la stessa storia, Selena da lo diavolo guidata, tenta sempre Don indiavolato; Fonzo a sua volta, da lo Angelo Custode, ben guidato, da le grinfie di lei strappa lo stesso, e a nanna lo porta senza più dolor.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 04/09/2012 12:45
    Hai trasposto in versi la lotta fra la morale e la trasgressione e, giustamente, vince la prima, ma non sempre...

3 commenti:

  • loretta margherita citarei il 04/09/2012 15:31
    bel racconto, il bene vince sempre
  • Anonimo il 04/09/2012 14:30
    ti sai ben districare ... anche tra le tentazioni... ma alla fine l'Angelo Custode ha il sopravveto sul male...
  • Donato Delfin8 il 04/09/2012 12:35
    ah bè che casino
    ...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0