accedi   |   crea nuovo account

Il primo giorno

Era arrivato ormai il suo primo giorno. Il giorno in cui la sua vita sarebbe cambiata per sempre. Ora si trovava sulla soglia d'ingresso con gli occhi sbarrati e già poteva godere di mille colori.
Si girava a destra e poi a sinistra senza fermarsi un attimo mentre si accorgeva che all'improvviso i colori prendevano vita e poco alla volta diventavano giochi. Lentamente staccava le braccia dal collo della mamma, che era con lui per il suo primo giorno. Entusiasta per questa novità e con i giochi tra le mani dimenticava che la mamma era accanto a lui. La sua giornata era iniziata, non si sarebbe mai separato dai nuovi giochi. Ancora non capiva bene dove si trovava ma i giochi facevano dimenticare ogni pensiero. Si sentiva ora pronto. Si sentiva grande e forte per affrontare questa nuova vita. Quel posto dove si trovava sarebbe diventato un luogo dove passare le ore della giornata.
Quel posto era la scuola materna.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Lara Bellotti il 23/11/2014 21:13
    Un racconto breve, ma ricco di emozioni, in poche righe Alessio ha saputo trasmettere la gioia e l'emozione di un incontro facete parte della vita di ogni bambino, è evidente che l'autore ha fatto emergere il bambino che è in lui, e questo non è da tutti. Immedesimarsi, fare nostro "l'attimo presente", esserci con tutti noi stessi, non è sempre scontato! I miei complimenti ad Alessio Gatti, continua così, e... perchè no scrivi una raccolta, sicuramente emozionerai molte persone.
    Lara Editor Recensionist
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2012 08:14
    Quel posto era l'inizio di un lungo cammino da scoprire...
    Stupendo racconto Alessio... CIAO

1 commenti:

  • stefano uggè il 19/09/2012 19:40
    Grande! breve ma intenso... e soprattutto 6 riuscito a trasmettere le emozioni di quei momenti.
    un racconto molto bello.
    ciao ciao