PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pensieri stonati

Son giorni ormai che difficilmente mi va di parlare, a volte capita anche a chi, come me, di parole da offrire ne tiene sempre tante. Se solo un attimo mi fermo ad ascoltare tutti questi silenzi che fanno rumore nella mia testa, sembrano come tante carrozze di un treno merci, di quelli pieni di spifferi con i pacchi accavallati su scricchiolevoli casse di legno, insomma un fracasso bello potente.
Allora inizio a dar forma di parola a tutti quelli che io chiamo "pensieri stonati", sono un'insieme di numerose emozioni che t'investono anche se non vuoi. Mi domando sempre perché . Io sono sempre quella dei perché e dei come, vorrei almeno una volta dar spazio ai se ed ai forse, invece non mi riesce...
Che cazzo di periodo di merda, una vita ad inventarti uno straccio di lavoro, e se dico inventare abbraccio tutto il termine non lasciando indietro neppure il puntino della i. Lotti, paghi, sei onesta, rispetti tutto e fai pure di più, il risultato è che sei sempre l'ultima ruota del carro, arrivi e devi sorridere a tutti, non ti puoi permettere di dire niente a chi non gli frega nulla se per te quello è lavoro. Grazie alla prossima volta, sei sempre dietro una vetrina ed offri il tuo sudore, i tagli alle mani e le scottature, la schiena, la vista, l'inventiva, la passione, tutto ciò che un artigiano nella sua arte può offrire tu lo dai, e poi... mi verrebbe voglia di spaccare tutto, prendere un martello e fare un gran casino, magari poi mi ricoverano, mi faccio interdire, così un minimo di sostentamento per comprare i calzini a mio figlio quando gli cresce il piede li avrò ... e vaffanculo dio denaro che non mi frega nulla di te. L'importante e che ci sia la salute mi dicono! Si, col cazzo puoi permetterti d'ammalarti, mica io sono onorevole che mi passano tutto gratis. Ma non voglio darla vinta a chi ha sempre avuto tutto facile, difficilmente mi lascio abbattere ed ora meno che mai posso permettermelo. Continuerò a lottare fino all'ultimo spiraglio di luce, dopotutto ho abbastanza esperienza e spalle larghe da poter alzare oltre che un paio di lastre di vetro, con abbastanza prepotenza, anche la rabbia, e scaraventarla contro chi pretende il distillato del tuo sangue.
Un frullato di pensieri riguardanti l'uomo che crede di essere furbescamente l'essere perfetto, ma quando mai. Credo la perfezione sia solo un'utopistica parola rapportata ad un ipotetico Dio che a sua volta, essendo alle prime armi creò perfetta la natura in grado di evolversi con in passare delle ere, ma col bipede per eccellenza, visto i risultati, forse qualche sbaglio lo fece. Basta pensare che dicono che si è arrivati sulla luna, anche se non ci scommetterei più di tanto, per conto mio quello poteva essere anche il deserto del New Mexico, non lo sapremo mai. Ci sta ancora chi muore di fame ed ha mosche sulle labbra. Sempre sul chi va la per scongiurare apparenti guerre, quando fondamentalmente le guerre non son finite mai, processi di globalizzazione e mondialità che riguardano sempre il bello, il ricco, il potente, santoni che vanno via via razzolando verità dando in mano ad un bambino un mitra appena ha la forza di reggerlo, boicottando il cervello fin dall'infanzia istruendo come farsi saltare in aria per essere purificati e ricompensati. Ma questo difficilmente si troverà scritto su un manuale che insegna a gestire la vita visto che ciò che viene evidenziato è solo il bel ricamino di qualche giornalista che cerca lo scandalo.
Credo fondamentalmente d'usufruire di una grande fortuna, quella di riuscire a non illudermi facilmente, quella di stare attenta ai dettagli capaci di uccidere le poesie. In continua e costante lotta con me stessa, riesco a prendere in giro e principalmente a prendermi in giro, magari addentando un panino farcito con: "senza niente". L'ipotesi dell'incertezza del futuro mi alletta sempre, ed è costante la ricerca di un alibi per far si che tutto torni analogicamente ad incastrasi. Non mi prendo alla lettera su nulla, e cerco una scusa per trovare il tempo di ripensare e di sperare, facendo spazio con la voglia di fare. Tutto questo nasce semplicemente dal fatto che il mio maestro mi guida e m'insegna cose nuove costantemente tutti i giorni, si perché lui è molto più forte di me, mi basta uno sguardo per capire. È mio figlio ed ha solo quattro anni.

 

6
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/09/2012 14:50
    UN GRIDO DAL CORE: SOS... O AFFONDO...
    È QUANTO SI EVINCE DA COTANTO MESSAGGIO... STILISTICAMENTE PERFETTO MA INTERIORMENTE ASTRUSO...
    IL MIO CONFORTO TERRY

8 commenti:

  • Anonimo il 20/09/2012 18:09
    grande sfogo che sposo in tutte le sfumature... sei una persona forte sorè e leale, non conosci ipocrisia.. sempre pensato... un bacio a te ed al tuo piccolo maestro...
    spero di darglielo di persona...
  • Anonimo il 20/09/2012 14:50
    Teresa il fantasmino anonimo sono io.. Karen...
  • Anonimo il 20/09/2012 14:49
    conoscendoti poco e tanto posso solo dire che qua c'è tutta la tua anima... un po' stanca.. un'anima che ha bisogno di ritornare un po' a sognare... un'anima con le scarpe...
    Posso solo dirti che tuo figlio sara' orgoglioso di avere una mamma come Te... bella dentro e fuori...
    Tutto passa... tornera' il sereno...
  • Vincenzo Capitanucci il 20/09/2012 13:28
    Dalle Sue mani uscì un pensiero stonato... un niente... ed uccise la Poesia della vita...

    Molto Amato... Teresa... tornare ad una mente princiante... a lo Zen di un bambino...
  • stella luce il 20/09/2012 11:37
    non credo di comprenderti... nel senso che il dolore, la rabbia e tutti i pensieri stonati che hai li puoi capire solo Tu... si prova sempre a cercare di capiere le situazioni ma credo che difficilmente ci si possa riuscire... sei una grande persona e sono certa che supererai anche questo periodaccio... le parole aiutamo molto a sfogare... il manuale del perfetto vivere credo che non esista, ma sta a noi capire dove andare a sbattere la testa... serve grinta e forza di volontà e voglia di non mollare per prima cosa per noi stessi e poi per il tuo piccolo maestro che vedendo in te una mamma così tenace non potrà che combattere questo vivere con la forza che tu gli stai trasmmettendo...
  • Nunzio Campanelli il 20/09/2012 11:22
    Si pensava che aspirare a una vita migliore, cercare di migliorare il proprio livello di vita fosse un diritto acquisito e consolidato. Ed è allora che ti fregano. quando cominci a capitalizzare il frutto delle conquiste, quando pensi che il mostro, il bieco capitalismo affamatore ha perso la sua proverbiale ferocia, allora mena il suo colpo di coda. Giustamente tu dici "basta la salute" perchè oggi, in questa Italia, se ti ammali gravemente perdi il lavoro, l'ospedale non lo paghi ma spendi un capitale ( se lo hai) in parcelle di specialisti e in medicine che "sono indispensabili ma lo stato (con la s minuscola, non mi sono sbagliato) non le passa". Certo, passa le puttane ai nostri onorevoli, vuoi che rimanga un centesimo per noi?. Hai ragione a incazzarti, dovremmo essere tutti incazzati neri.
    Scusa per questo sfogo nello sfogo. Ciao.
  • Anonimo il 20/09/2012 10:55
    Nessuna stonatura nei tuoi pensieri ma forza e voglia di farcela comunque! Tanti giovani sono nella tu stessa situazione ( io ho una figlia forse della tua età e ne so qualcosa...) ma guarda tuo figlio e con onestà si può andare avanti a testa alta. Auguri Teresa!
  • Anonimo il 20/09/2012 10:46
    gulp... non ti conosco e non ti ho mai vista, ma leggendo le tue parole era come se ti vedessi incazzatissima a raccontarmi cio' che hai scritto... accidenti che grinta, che rabbia, da invidia, e invidio (in senso diplomatico ovvio) lo sguardo di tuo figlio che, come tu dolcemente dici, ti insegna cos'è la vita... bel racconto, brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0