PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tutto il mondo è un palcoscenico

Oggi recito su un canovàccio bianco, improvviso... parlerò a voce alta e scriverò

quello che nascerà da un'idea, un'immagine,

un ricordo. Mi viene subito alla mente questo titolo: "il piacere di fantasticare"!..

Certo ho tanto da sognare, ed entrare in un'altra dimensione.

Il mio hobby principale è leggere... leggere di narrativa di autori italiani e stranieri,

entrare in una storia e diventare subito la protagonista principale.
La prima che mi viene in mente è Beatrice di Dante
Alighieri... ecco che lui, Danteavanza verso di me, mi guarda e mi dice: " Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia

quand'ella altrui saluta, che ogni lingua devèn tremando muta,

e li occhi non l'ardiscono di guardare..."
Certo che essere esaltata da Dante... mi rende ancora più angelicale e l'anima sospira.
Continuo per la selva oscura... e mi ritrovo nel settecento.

Mi si para davanti Carlo Goldoni che mi chiede,

se voglio recitare la commedia dell'arte. Mi offre una parte che mi piace:
sarò Mirandolina, la giovane locandiera corteggiatissima da un marchese altezzoso e un conte ricco.
Lei vuole conquistare solo il cuore di un cavaliere solitario che dice di odiare le donne e

di non essersi mai innamorato di alcuna di loro.
Punta sul vivo, Mirandolina, mostrerà, infatti, tutto il suo fascino e

tutta la sua abilità nell'arte della conquista dei cuori maschili...

... uno squillo mi riporta ai giorni nostri, siamo nell'anno 2012.

Svegliati Dora... lascia i tuoi voli pindarici.. è tempo di mettere

sotto i denti qualcosa di commestibile... guarda... sono le 14, 09...

non fantasticare!!!!! (la voce della coscienza)

Scena 1° cala il sipario... intervallo... (continuerà?) Boh!?!..
PS. Decideranno i lettori con i loro consensi o i loro dissensi.

In che secolo mi vedreste collocare?..

Sono curiosa!!!! Grazie!

*Tutto il mondo è una scena.. e gli atti sono sette

come l'età dell'uomo il quale, così recita molte

parti diverse.*
( William Shakespeare)

 

1
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/10/2012 18:04
    poliedrica e valente poetessa... sa scrivere sa recitare sa regalare sempre emozioni forti... anche in questo racconto c'è la sua preparazione, la sua cultura oltre al fatto averlo scritto molto molto bene...
  • Antonio Garganese il 29/09/2012 20:00
    Io ti vedrei insegnante ottocentesca giramondo che dopo lunghe peripezie riesce a portare metodi nuovi superando vecchi schemi e pregiudizi.

6 commenti:

  • Dora Forino il 25/05/2013 19:42
    Alla cara amica Carla, tutto il mio affetto e stima.
    la mia versatilità mi porta sempre a fantasticare e creare.
    grazie!
  • Dora Forino il 25/05/2013 19:37
    CARO ANTONIO, non male; un'innovatrice per nuove metodologie.
    insomma una scuola diversa!
    GRAZIE!
  • Dora Forino il 22/09/2012 17:15
    Cara Grazia, dici bene, sono catturata dalla letteratura e quando mi immergo nelle lettura di qualche personaggio,
    succede che mi immedesimo a tal punto e incomincio a recitare... Grazie! Buon fine settimana!
  • Dora Forino il 22/09/2012 17:07
    Cara Vincenza sei stata carina, quindi, potrei benissimo passare in quasiasi epoca? Proprio per quelle caratteristiche di versatilità, che mi contraddistinguono... non a caso ho recitato per otto anni. Graziedell'apprezzamento e buona serata!
  • Grazia Denaro il 21/09/2012 11:06
    Ognuno recitando può collocarsi in qualsiasi epoca, la letteratura ha il suo fascino e cattura coloro che amano sognare, le persone sensibili e le persone versatili che riescono ad immedesimarsi nelle situazioni che si incontrano nella vita, quindi anche in ciò che leggono, studiano e sono brave anche a recitare, piaciuto il tuo exursus estemporaneo. ciao Dora!
  • Anonimo il 21/09/2012 10:42
    Piacevole escursus nella storia della letteratura. Io ti collocherei in tutti i secoli, perchè l'intelligenza non ha età. Potresti essere la donna per tutte le stagioni, come lo era Sir Thomas More che Robert Bolt nella sua opera ha definito "A man fo all seasons"(Un uomo per tutte le stagioni); nel senso che i suoi valori sono universali e si adattano a qualsiasi epoca. ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0