accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Oggi Mary è felice.
Sta dando da bere alle piantine sul davanzale, con un sorriso che le illumina lo sguardo.
dà un'occhiata all'orologio a pendolo appeso al muro. e sobbalza.
è ora.
ha il cuore che batte a mille, il respiro accelerato.
è passato un anno, un anno di ansia, tristezza, nostalgia e speranza.
E lettere.
decine di lettere, custodite gelosamente, rilette centinaia di volte e bagnate di lacrime altrettante volte.
Le è mancato.
Pensa al passato mentre si pettina i capelli ramati.
prende la borsa, infila gli stivali da pioggia e il cappotto, lo stesso cappotto che portava un anno fa, in stazione.
Fuori piove.
Mary si guarda intorno, osserva i passanti: loro non lo sanno, ma oggi Mary è felice.
Arriva alla stazione ferroviaria, brulicante di persone: donne con sguardi vitrei, uomini d'affari, ragazzi coi volti immersi nelle felpe e personaggi equivoci.
Si siede su una panchina e aspetta.
Due ore dopo ha imparato a memoria i ghirigori della panchina in ferro battuto verde.
Poi, finalmente, il treno Londra-Edimburgo entra fischiando nella stazione.
Mary balza in piedi e scruta la folla di persone che si apprestano a scendere.
E lo vede.
La testa bionda è una spanna sopra quelle del resto dei passeggeri, e si sta guardando in giro con l'espressione fiduciosa e serena che nemmeno l'anno di lontananza è riuscito a farle dimenticare.
Anche lui la sta cercando.
Mary si fa strada, spinge, chiede di poter passare, ansimando, il cuore che le scoppia nel petto.
Si trovano finalmente l'uno davanti all'altra.
è passato un anno.
Lui ora ha una cicatrice sbiadita sull'avanbraccio, un ricordo dell'Afghanistan.
Mary la sfiora, fino a quando la mano di lui stringe la sua.
E si abbracciano.
Mary sta piangendo, la gente non lo sa, ma oggi è felice.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0