accedi   |   crea nuovo account

Tornerà secondo te? Non credo!

Le due ombre si scrutavano in silenzio. Cercavano di leggersi l'una dentro l'altra. Si erano improvvisamente trovate sole, con un senso di vuoto allo stomaco, con il risentimento che si prova quando si scopre di essere stati traditi. Adesso cosa facciamo, non possiamo rimanere qui ad aspettare dobbiamo trovare una soluzione, disse una delle due ombre. Sto pensando, rispose l'altra, cerco di trovare una via di uscita. Certo è che non possiamo tornare a mani vuote. Accidenti era tutto perfetto, l'umano ci aveva quasi consegnato la sua anima ormai avevamo assunto le sue sembianze, la sua stessa forma ed anche la sua voce, stavamo per entrare nel suo intimo per aggrapparci definitivamente alla sua anima. Dovevamo solo risucchiare la sua energia-luce e tornarcene nel nostro mondo. Era fatta ma... ma lui se n'era andato.
Improvvisamente l'uomo si scosse al suono della sveglia. Era completamente sudato, un senso di profonda spossatezza gli riempiva il corpo, in bocca aveva l'acre sapore della paura. Che brutto incubo: " ombre che gli rubavano l'anima che gli assorbivano l'energia-luce, la matrice della vita". Che strano, pensò, la sveglia luminosa segnava le cinque. Aveva suonato con due ore di anticipo. Rimase al buio con gli occhi socchiusi ed un pensiero arrivò dritto alla sua mente: per tutta la vita aveva combattuto contro l'oscurità interiore, senza avere mai dedicato nemmeno un secondo alla ricerca della luce dentro di lui.
Avvertiva di avere lottato contro l'inesistente. Le tenebre, la paura, l'odio, la rabbia, l'invidia ecc... non esistono, sono la proiezione di una mente priva di luce. La realtà non nasce dall'assenza, nasce dalla presenza, strappa via i veli dell'oscurità e troverai la luce. Si addormentò mentre una voce gli diceva : "vuoi continuare a rimanere nelle tenebre oppure vuoi rivolgerti alla luce?" Non vivere all'ombra delle tue paure e nella paura delle ombre trasforma i tuoi incubi in sogni splendenti.
Tornerà secondo te? Chiese l'ombra, Non credo. Rispose l'altra. Pallide e rabbiose scomparvero nel loro oscuro mondo.
La mano assonnata cercava l'interruttore- clik- ma non successe nulla. Riprova, clik clik, ma niente, la stanza rimane al buio. Accidenti disse l'uomo, mi sono dimenticato un'altra volta di pagare la bolletta della luce.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Fabio Solieri il 08/01/2013 07:12
    Tieni una candela con relativo fiammifero a disposizione. Buona fantasia, non aver paura, luce e buio non sono altro che il susseguirsi di giorno e notte, la notte insegue sempre il giorno e il giorno verrà.
  • loretta margherita citarei il 25/09/2012 04:16
    molto apprezzato complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0