accedi   |   crea nuovo account

Via di mezzo

Me ne stavo seduto su uno sgabello di legno col gomito posato sul bancone di uno squallido night dalle mille luci soffuse e pensavo che mi ero proprio rammollito - fino a qualche mese fa io e il mio amico stavamo in piazza a farci le cannette insieme fino a notte fonda ma poi, poi sapete come vanno certe cose no?, la vita brucia come una sigaretta e fa divenire cenere il tempo - nell'ultimo periodo io e il mio amico ci ritrovavamo a casa sua a passare, si, intere notti comunque insonne ma solo per pulire il sedere alla sua marmocchietta - nulla più.

< Fratello! Con le donne è semplice! ci vuole chiarezza! Punto e basta! Devi farti vedere deciso. L'indecisione potrebbe essere l'unica arma contro di te. > mi disse improvvisamente un tizio sbucato dal nulla della sala mentre rimuginavo in compagnia della signora solitudine e vattela a pesca del perché pensava che io pensavo alle donne.

< Ah! e perché tu sei qua allora? > gli dissi guardandomi attorno, reggendo il gioco, cosi, per fare un qualcosa, mi piaceva infrangere le regole, eravamo comunque dentro a un cazzo di night e sensuali ballerine danzavano sul palco dell'eccitazione - un palo ritto brillava e sembrava sciogliersi - nessuno sano di mente parla dentro ad un night club ci vuole solo tanta capacità di autocontrollo e un ottimo spirito di osservazione.

< Perché? Amico ma la vedi la mia pelle? > rispose con una domanda stuzzicandosi un lembo del suo braccio < Non è bianco Fratello. Non è bianca e non è nera. È una via di mezzo. E lo sai meglio di me no? Alle donne non piacciono le vie di mezzo. Dio onnipotente! Le donne non amano le vie di mezzo. O chiaro o scuro. O bianco o nero. Certo! ci sono anche donne a cui piacciono le vie di mezzo ma Fratello pregherò per te in modo che tu non possa mai incontrarle perché io ci sono stato per ben dieci anni con una donna a cui piacciono le vie di mezzo e credimi non sanno cosa vogliono realmente. Un giorno ti dicono che gli piace il bianco. Un giorno il nero. E tu te ne stai li fermo come un cretino a non fare niente con la tua stupida pelle scolorita da uomo indeciso che di certo non puoi toglierti da un giorno all'altro no?>

< Questo mi pare un discorso un po' razzista..." gli dissi e tirai un lungo sorso di Whiskey

< No! No. È qui che ti sbagli fratello. Non sono razzista. Sono solo un uomo che è costretto a infilarsi in uno squallido night nel quartiere più malfamato di Firenze per cercare una donna che non ama le vie di mezzo... >

"Senti amico..." dissi interrompendolo < Non sto capendo niente di quello che vuoi dire ma sai come si chiama questa via vero?>

< Si... >

12

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • oissela il 08/02/2014 10:59
    Scrivi bene ed hai delle cose interessanti da dire.
    Mi colpisce la mancanza di commenti.
    Ciao.
    Oissela

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0