PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Reietto - II puntata

Nel frattempo, grazie alla tecnologia che galoppava prepotente, riuscii a contattare nuove case editrici, alcune di queste anche molto importanti.
Le risposte che giunsero variavano molto nell'aspetto grafico ma non nei contenuti.
Fu a questo punto che un nuovo luminare intervenne nella vicenda per offrire il suo apporto.
Questa persona mi disse che se ne avessi avuto le capacità avrei dovuto scrivere una storia su un personaggio o su un qualcosa che fosse molto noto, poiché se fossi riuscito a far giungere il manoscritto ad uno dei personaggi potenti e avessi suscitato in lui o lei interesse, ciò avrebbe rappresentato il punto di svolta della mia anonima e già travagliata carriera.
Se uno di loro, infatti, avesse mostrato il libro in una sua trasmissione, il gioco sarebbe stato fatto.
Non avevo alcuna idea su come raggiungere questo obiettivo.
Un giorno, per caso, mi trovavo a fare zapping con il telecomando, vidi che su un canale Mediaset trasmettevano una strana trasmissione. Cominciai a guardarla, mi colpì perché si chiamava; "Saranno Famosi", come il telefilm americano che adoravo da piccolo, sognando che anche in Italia potesse esistere una scuola fatta di materie culturali e discipline artistiche nella quale poter far emergere il proprio talento.
Cominciai ad appassionarmi a quella trasmissione, che però non riusciva a decollare, fino a quando non venne sostituito il timoniere.
Ad occupare il posto di capitano fu chiamata la già potente Maria De Filippi.
Continuai a seguire il programma e con il trascorrere delle puntate ne lessi il potenziale ma anche una delle più grandi offese ai miei sogni di ragazzino, come a quelli di molti altri e ai sacrifici che si facevano per poter recitare, cantare, ballare e studiare.
Fui colto dal raptus creativo dello scrittore lungimirante e scrissi una storia su quella trasmissione.
La terminai e decisi che era una delle storie multilivello che volevo ma anche il biglietto di presentazione per i potenti, che avrebbero potuto dare una svolta alla mia moribonda strada dell'artista.
Intrapresi le consuete operazioni di analisi preliminari e poi cercai quali fossero gli indirizzi più idonei per inviare il manoscritto.
Ero certo che fossi l'unico ad aver scritto un libro su quella trasmissione, che nel frattempo aveva cambiato nome in "Amici di Maria De Filippi" a causa di problemi sui diritti legati proprio al noto telefilm americano.
Decisi che il luogo più idoneo per inviare il plico con il manoscritto fosse la stessa redazione di Amici.
Il tempo trascorreva inesorabile, le e-mail, i fax e le telefonate alla redazione si moltiplicavano senza trovare una risposta.
Non riuscivo a pensare ad una soluzione che mi potesse condurre a sapere se il manoscritto fosse mai stato letto da qualcuno.
Giunse così, anche per me appartenente all'italica stirpe, il tempo della raccomandazione.

123

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0