username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tabagismo

Sono un tabagista. Fumo 3 pacchetti al giorno. Non mi frega del gusto del cibo, tutto schifosamente "grigio", me ne fotto del cancro ai miei polmoni e anche di quello ai polmoni di quegli sfigati che respirano le mie esalazioni.
Voglio fumare come se domani fosse l'ultimo giorno su questo pianeta, come se tutto dipendesse dal mettersi una sigaretta in bocca, aspirarne l'aroma o non farlo.
Ieri ero seduto nella metro, scalzo, i piedi lerci con ogni tipo di macchia, chewing gum, cicche, sputi, polvere, tutto sotto i miei piedi; a dare ascolto a quelle patetiche scritte sopra i pacchetti di sigarette anche i miei polmoni dovrebbe assomigliare alla parte finale dei miei arti inferiori.
Dovrebbero impedire di costruire le scuole con la sabbia invece del cemento, dovrebbero smettere anche di costruire sulle colline a rischio frane, sui letti dei fiumi, innalzare centrali atomiche in zone a rischio sismico, ma invece cercano di togliermi ciò che separa la mia giornata di niente dal tutto. Per questo, qualche mese fa, ho preso la decisione di uccidere Fisto, il mio stramaledettissimo nemico ministro della sanità, il mio Golia, il mio Jocker, la mia criptonite, che ha deciso, senza pensarci su, di alzare drasticamente il prezzo delle sigarette, come se solo i ricchi potessero ammazzarsi con quella meravigliosa lentezza che solo una sigaretta dopo l'altra può darti.
Ho barattato le scarpe per una stecca, l'asfalto era rovente al tatto ma la nicotina che mi scorre nel sangue è una giusta controparte a qualsiasi dolore psicofisico.
Sto diventando pazzo, c'è chi va in giro a raccogliere le conchiglie o delle inutili pietre, cosa diamine se ne fanno?
Quando finisco di lavorare mi aggiro per la città in cerca di mozziconi di sigaretta, li apro ne ricavo tutto il tabacco possibile, ne raccolgo abbastanza per poter girare una sigaretta e poi avidamente la consumo sino a che le labbra non resistono più al calore.
Finite le cartine fumo avidamente i mozziconi gettati in terra dai passanti e accendendoli mi brucio sempre i peli del naso.
Se solo ripenso a tutte quelle sigarette finite nel cesso durante ogni singola cagata, a volte spente talmente presto che gettandole nella tazza mi bruciavo le palle e se ora ci penso mi vengono spasmi da dipendenza.
Fortuna fece che abitassi a Roma, fai la crisi, fai le continue rivolte di tutte le categorie, fai la povertà crescente, fai per tutto questo, ma il palazzo non era più protetto come un tempo.
Entrai dal portone principale, facendo finta di nulla, come se entrassi ogni giorno, e nessuno mi fermò.
Superai tutti i controlli e ancora nessuno notò la furia omicida sul mio viso, presi ascensori, superai porte, svoltai angoli e alla fine arrivai alla sua stanza, entrai.
Era li seduto, indaffarato a fumare, lo stronzo stava fumando. Maledizione!
Lo guardai, ma lui non capii la situazione, allora mi diressi verso la porta d'ingresso e feci crollare una parte della libreria per bloccarla. Sentii un gemito dietro di me, ora gli era chiaro di essere nella merda sino al collo. Prese il telefono, gli tirai un coltello a pochi centimetri dal corpo, riappese.

123

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Alessandro Todde il 07/10/2012 17:23
    Sono d'accordo con te per il fatto che probabilmente attaccare la politica in Italia sia sin troppo facile.
    Per quanto riguarda la sfera ideologia, forse non sono riuscito a rendere bene il mio pensiero, ma è un discorso che prescinde dal contesto sociale economico in cui sono e siamo cresciuti.
    Comunque grazie per le delucidazioni.
  • Massimo Bianco il 07/10/2012 17:13
    Con piacere. Qui alla fine si viene a cadere nel solito discorso dei politici carogne, disonesti e che si arricchiscono alla faccia nostra. Sarà senz'altro vero, non dico di no, così come è vero che, almeno qui in Italia, comunismo, democrazia eccetera sono diventate solo parole vuote perchè i nostri politici sono tutti la medesima pastetta, ma a me in definitiva pare soprattutto argomentazione di facile consenso popolare, fatta apposta per riceve complimenti dai lettori e quindi demagogica, per l'appunto. Anche se l'idea di rivelare solo alla fine che il protagonista è in realtà uno di questi politici carogne e sfruttatori funziona e il racconto comunque mi convince, anche perchè è cattivo al punto giusto. Così la vedo io, per lo meno. Saluti
  • Alessandro Todde il 07/10/2012 16:36
    Ciao Massimo, mi farebbe piacere sapere in che modo lo hai trovato demagogico?
    Le critiche fanno sempre bene!
  • Massimo Bianco il 07/10/2012 16:09
    Ognuno deve essere libero di ammazzarsi come meglio crede, anche fumando, in effetti.
    A parte ciò questo racconto è un po' troppo demagogico per i miei gusti, ma comunque valido e ben scritto.
  • Marco Uberti il 02/10/2012 22:35
    Molto crudo ma non lontano dalla realtà, un noir di tutti i giorni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0