accedi   |   crea nuovo account

La venezia di ieri

Sospesa a lungo ai margini dell'immaginazione, che m'incamminavo nella Venezia d'un tempo e fra calette e ponti intravedevo un Casanova che rincorreva donzelle per avventure galanti.
Svolazzanti dame con abiti sfarzosi, civettavano con sorrisi e intese là dove salotti di gran duchi, facevano del pettegolezzo un modo di vivere.
Sontuosi palazzi con ampi androni che così vagabondando, mi trovai in piazza San Marco e quello che vidi mi lasciò senza fiato.
Ambulanti che trascinavano i loro carretti urlando e decantando la loro mercanzia, i negozi illuminati da candelabri d'argento, da vettovaglie ricamate e incise, le alchimie dentro ampolle in bella vista di unghienti miracolosi, o delle spezie venute da mondi lontani per afrosidiaci, incantando anche il più avveduto viaggiatore, l'emporio delle stoffe, dove mani femmininli toccavano la frusciante seta, per poi adornarne con magnifica maestria e alteragia, l'incantevole andatura del corpo e mostrandosi ai più attenti avventori, che al chiaro di luna invitavano la damigella al ballo in maschera.
Anche Venezia sembrava nascondersi.
Fra le strette vie, una lucerna oscillava scandendo le ore delle tenebre, intimando che tutto andava bene, era il guardiano che sotto al grande cappello a larghe falde avvolto nel grande tabarro, si dileguava nella notte.

 

1
8 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Virgi Garcia Mundòz il 20/10/2012 09:15
    Proprio bello; un interessante mix di situazioni, colori, suoni... mi sono immaginata tutto alla perfezione, come se fossi stata lì, circondata da tutto ciò che descrivi con questo tocco poetico che non guasta affatto! I miei complimenti
  • Anonimo il 06/10/2012 18:55
    la magia di un tempo che fu... suntuoso, sfumato, di un trasognato unico... davvero bello scritto!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 06/10/2012 15:09
    HAI RIDATO VIGORE A UN SOGNO... QUANNO NELLA REALTA' È ORMAI "ITO"... IL MIO ELOGIO AUGUSTA... SERENA DOMENICA

    (T'avevo letto già stamane... solo per un imprevisto ho dovuto rimandare la recensione)... CIAO

8 commenti:

  • augusta il 15/01/2014 13:45
    Bellissimo Oiselle.. tout le monde è concorde nell'affermare che Venezia è la più bella città del mondo... rompi il salvadanaio e non te ne pentirai... grazie del tuo passaggio... 1 beso
  • oissela il 15/01/2014 13:30
    A costo di rompere il salvadanaio, questa Venezia che vuole nascondersi dovrò visitarla.
    Pennellate d'autrice, dice Oissela, belle capacità di sintesi et
    voilà les jeux sont faits.
    Non un racconto, ma un affresco dinamico e gradevole.
  • augusta il 20/10/2012 11:15
    bellissima virgi... grazie... questa mia..è venuta guardando un vecchio film di casanova... 1 beso...
  • augusta il 07/10/2012 11:09
    ciao fri... ti mando un beso... da un venezia che non c'è più...
  • augusta il 06/10/2012 15:14
    grazie sara... per me è un'onore il tuo passaggio... naturalmente al mio fan... rocco... 1 beso...
  • Anonimo il 06/10/2012 14:12
    Ti ho letto con piacere e mi sono persa nel tempo.
  • augusta il 06/10/2012 11:14
    ti ringrazio ellebi... 1 beso...
  • Ellebi il 06/10/2012 10:43
    Molto ben composto brano di una Venezia che non c'è più, ma che sopravvive nell'immaginario collettivo. Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0