PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

... parole

Affido messaggi a bottiglie che getto nel mare che qualcuno possa leggere e venirmi a salvare.
Sono su un'isola in mezzo alla confusione di indifferenza e rumore, sentimenti che vogliono uscire, non sempre possono farlo per timore di non essere capiti e allora restano parcheggiati.
Non ci doniamo per paura di sprecarci o ci sprechiamo senza donarci, è come spargere al vento le ceneri di un qualcosa che non ci sarà più, aria di un respiro senza più parole.
Le parole sono farfalle che cercano la luce, il silenzio è la luce delle parole che le fa nascere che le fa crescere è quello specchio che le attira, quella rete che le cattura è quell'eco che si infrange sulle pareti dell'anima dove i sentimenti si rincorrono e i passi si perdono chi non vorrebbe fermarli, per ascoltarsi e lasciarsi ascoltare da loro.
Non si fermeranno mai ma forse qualcuno raggiungerà la meta, parto, non sempre arrivo, mi perdo spesso per strada, mi fermo a cercare ricordi.
In una stanza vuota rimbombano i passi, Il mio arredo è semplice e minimale, non mi piacciono gli orpelli e le parole preziose, scrivere ma senza emulare nessuno, senza vanità è come parlare al proprio cuore con autenticità è già essere se stessi e quindi qualcuno.
È Come fermare il tempo in una fotografia, ma l'illusione ci avrà già fermati, quando la guarderemo saremo già cambiati.

 

2
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 11/10/2012 13:36
    È a metà tra la prosa e la poesia questa analisi interiore che attraverso immagini anche tristi avvolte e curve di solitudine, aspettative deluse e rimpianti richiama desideri troppo spesso inespressi. Declinando nel finale in ina specie di uno nessuno e centomila. Proprio brava
  • Rocco Michele LETTINI il 11/10/2012 09:22
    SAGGIA RIFLESSIONE LAURA... UN TRASMETTERE CONTINUO DI PAGINE DI UNA QUOTIDIANITA' FERITA...
  • Antonio Garganese il 11/10/2012 08:45
    Le parole, non quelle auliche da romanzo, ma quelle dolci o ruvide che si dicono spontaneamente rappresentano un tesoro il cui valore si comprende tardi quando bisogna rinnovarle. Alla meta si arriva alla fine e neanche per tutti.

5 commenti:

  • eleonora il 25/05/2014 21:35
    una bellissima sequenza emozionale
  • augusta il 11/10/2012 18:01
    scritto molto bene... e mi piace brava...
  • loretta margherita citarei il 11/10/2012 16:03
    bel racconto con soavi sprazzi di poesia brava!
  • Anonimo il 11/10/2012 14:03
    riflessione introspezione profonda... molto bello laura cmplimenti
  • vincent corbo il 11/10/2012 09:23
    Un brano bellissimo, autentico, prezioso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0