PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una traversata tra i piaceri della tavola

Carlo attende con grande impazienza, in quel porticciolo turistico, il suo amico Roberto detto il comandante.
Ben allineate, sfoggiano tutta la loro eleganza un numero infinito di barche a vela. Gusci tirati a lustro nell'attesa dell'inizio della regata del giorno dopo.
Carlo, tutto casa e ufficio non ha mai partecipato a simili gare mentre Roberto solca i mari da oltre trent'anni. Capitano di lungo corso è abituato a navigare su grosse navi,: petroliere e gasiere in genere. Ma, guarda caso, il suo hobby è quello di andar per mare in sella ad una vela: e che vela! Al contrario del suo amico che cura, invece, quello della cucina.
Carlo è anche un gran buongustaio, mentre per i vini osa dire: ogni piatto deve accoppiarsi col vino giusto e questo col bicchiere adatto.
Il mare un poco agitato faceva tintinnare le drizze della randa mentre il sole gradatamente si preparava ad abbandonare la scena per lasciare il posto ad altri astri.
L'istante poetico velocemente lascia il posto ad esigenze più terrene:
"È arrivato il tempo della cucina, sono già le venti!" -comanda Roberto, seppure in maniera scherzosa.
Carlo in un lampo è di fronte ai fornelli.
Un angolino che accoglie un piccolo "tre fuochi" con accanto un frigo che sembra adatto ai lillipuziani.
Un tegame viene unto con dell'olio extra vergine e ben presto aulenti cipolle sfrigolano strette. Anche una pentola panciuta trova la sua collocazione.
Come per incanto dei nobili gamberoni appaiono sul minuscolo tavolo a fianco della cucina e vengono velocemente capitozzati. Solo le teste, per il momento, accolte generosamente nel mare rosso di pomodoro che man mano diventa più intenso. Alcuni peperoncini fanno poi la loro parte.
Roberto è intento a mondare quanto rimane del resto dei gamberoni che, a tempo debito, sostituiranno le teste.
Il magico tegame incomincia a riempire l'aria di nobili fragranze.
È il momento! Via le teste dal tegame per essere sostituite dal corpo dei nobili crostacei che scivolano dentro il tegame che libera gentili olezzi in sintonia con la fragranza del mare.
Ma ora anche l'acqua dell'altro recipiente, in precedenza preparato, dà segni di bollori irrefrenabili. Speciali spaghetti fatti a mano spariscono dentro il liquido ribollente e per alcuni istanti reagisce con una bianca schiuma.
Roberto velocemente prepara il desco e una tovaglia di carta, candida quanto una vela, si materializza sopra la tavola assieme a eccentrici tovaglioli multicolori.
Solamente i piatti, le posate e i bicchieri non hanno niente di "falso": niente plastica ne carta.
Il buongusto inizia dalla presentazione dei cibi.
Una bottiglia di prosecco della Valdobbiadene, già ben fredda, viene posta al centro tavola ed è introdotta nel cestello colmo di ghiaccio. Non attende altro che essere stappata!

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Marcello Piquè il 24/02/2013 10:56
    ho letto che è quasi mezzogiorno e, spento il computer, mi fiondo in cucina con l'acquolina in bocca
  • Anonimo il 14/10/2012 14:15
    un bel brindisi.. tra amici... scritto molto bene e molto piacevole alla lettura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0