PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

C'era una volta una bambina

La vedevo là,
timore, rispetto, raccontava favole, si diceva di lei che aveva vissuto, il suo passato, un fiume che era giunto al mare e si era sposato con la libertà. Alla sua sorgente un mandorlo in fiore, un amore soldato, tante lettere d'amore, cartoline da un passato.
Si diceva di lei che guariva dalle paure, ma un po' di timore io l'avevo. Capelli bianchi e mani raggrinzite, occhi vispi dietro gli occhiali, quante storie raccontava e non si fermava. Solo le gambe l'avevano tradita e un disegno di una casa a matita. Ricamava i giorni i, custodiva sogni in un cassetto, qualcuno aveva tradito, qualche figlio era partito. Un vaso di fiori appassiti, bomboniere piene di polvere e foto alle pareti. Ninnoli di plastica, una sedia per dondolare la stanchezza e la sera dietro la finestra.
Là guariva acne e paura, abitava in fondo a quella strada scura, sembrava debole ma appariva sicura.
Sembrava così lontana ed ora la vedo più vicino, il tempo è una bellissima magia che fa sparire tutto, poi quando meno te l'aspetti ritornano le rughe del passato.
Mi ha regalato i suoi occhiali, la sua saggezza, in cambio della mia spensieratezza, mi ha caricato in spalle doveri e pensieri che col tempo dicono dventano leggeri, ma mi pesa questo bagaglio da portare a quella casa, dove lei aspetta sempre. Mura crollate, storie rapite, eppure basterebbe solo capirla ed accettarla, lo diceva anche mio padre alla mia età.
Ogni giorno allo specchio si porta via un po' di me le mie ansie, le mie debolezze, la mia pelle di velluto l'ha già voluta in cambio, la mia ingenuità i miei capelli scuri, i miei occhi da bambina.
Lo devo ammettere mi fa un po' paura pensarla così lontana e vederla così vicina...
Erà là raccontava fiabe... c'era una volta una bambina...
e poi scoprire che la fine, lascia sempre un po' di amaro in bocca, si potesse ricominciare Dio... forse questo il finale di cui parlava... ricomincio io?

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/10/2012 08:40
    EH CHI NON VORREBBE RITORNAR BAMBINI?... HO SCORSO UN RACCONTO IN CUI TRASPARE TUTTA LA NOSTALGIA DI UN PASSATO CHE NON RITORNA... PUR SOTTOLINEANDO MELANCONICAMENTE I NEI PRESENTI...
    IL MIO ELOGIO LAURA... CIAO

3 commenti:

  • Anonimo il 15/10/2012 17:10
    Il tempo passa e cambiano molte cose, ma non cambia certo il nostro modo di essere e di guardare le cose.
  • Teresa Tripodi il 15/10/2012 08:38
    le nonne del tempo son tutte un po' bambine ed i ricordi di esse ci fan paura quando in loro ci rivediamo perchè è come se scoprissimo ciò che già sappiamo con la differenza che adesso conosciamo sulla nostra pelle i sentimenti che in quel momento loro provavano
  • Antonio Garganese il 15/10/2012 06:42
    Ci si rivede in chi abbiamo conosciuto, lo portiamo addosso e lo facciamo nostro. Le rughe, il tempo che passa, che importa? Gli occhi da bambina rimarranno sempre per raccontare storie sempre nuove. E poi ricominciare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0