username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Moralisti e furfanti

Moralisti, sociologi e politologi si aggirano nei salotti televisivi. I media si buttano sulla preda e la spolpano fino all'osso.
"È tutta colpa della legge elettorale, della legge dei nominati", pontificano come oracoli. E poi si scopre che gli eletti con una valanga di preferenze sono ancora più corrotti e qualcuno avverte che "i mali delle preferenze li abbiamo già sofferti nella prima repubblica, sono preferibili i collegi uninominali".

Si guarda al centro e i buoi scappano in periferia. Si dice che c'è bisogno di una ventata di novità e arrivano sulla scena giovani arroganti, ubriachi di potere. Gente che improvvisamente si trova con tanti soldi in mano e perde la testa, accecata dall'oro.

I moralisti alzano la voce, indignati. Loro non sapevano, non immaginavano, vivevano sulla nuvola bianca dell'etica, gonfia dei loro sacri principi.

I politologi, che fino a ieri volevano portare lo Stato vicino al popolo sovrano per un controllo diretto e immediato degli eletti, criticano la modifica del titolo quinto della Costituzione, dicono che fu fatto per sottrarre il cavallo di battaglia del federalismo alla Lega. Dimenticano che la sinistra voleva favorire se stessa nel governo del territorio. Un modo elegante per impadronirsi del potere.

È solo un attimo di smarrimento. Subito sociologi e politici illuminati contrappuntano con voce suadente che non bisogna far di tutta l'erba un fascio (loro sono buoni e puri!) e che si deve andare alla radice di questa dissoluzione. E alla base di tutto si materializza un demone, come nel peccato originale. Il Demone corruttore, il Caimano ha abbassato l'asticella dell'etica, della parsimonia, della moderazione. Bisogna ricostruire i partiti di un tempo, ritornare alle ideologie, a formare la classe politica. Ma con quali formatori?

Si distingue da spreco a spreco, da peccato a peccato, da sesso a sesso. Le ostriche rovinano lo stomaco, la colla dei manifesti crea coesione sociale; i festini chiamati convegni, i circoli culturali, i giornaletti disseminati sui marciapiedi hanno una connotazione etico - politica, sono il sale della democrazia. Tutti hanno protestato contro i tagli agli Enti locali in difesa del sociale, ora si scopre che difendevano se stessi, ma si appigliano al fine che giustifica i mezzi.

Un guru, con la pancia piena, da anni continua a blaterare in televisione analisi che nel tempo si sono rivelate sbagliate. Parla di caduta degli Dei, delle ideologie di un tempo; senza memoria il cronista di turno china la testa.

C'è chi con faccia di bronzo, dopo essere invecchiato nei palazzi della politica, tenta di fare dei discorsi alti per un riscatto morale che "il popolo merita".

Quando li sento parlare penso alla folla descritta dal Manzoni. Ondeggia come canna al vento, gridando al ladro al ladro!

Io credo che il male sia sempre esistito e che i nostri padri siano stati capaci di costruire case, strade e ponti, ma non di educarci alla virtù. Viviamo in una società decadente e la politica ne è l'espressione. La virtù non ci appartiene, solo che coloro che "curano gli affari della città", "a causa dell'arbitrio garantito dal potere che hanno, si macchiano delle ingiustizie più gravi e più empie. E di questo anche Omero è testimone" (Protagora, Platone).
Così vanno le cose o meglio così andavano ai tempi di Platone che auspicava dei giudici "nudi" capaci di emettere giudizi giusti e non farsi ingannare dalle apparenze.
Ma i nostri giudici sono togati!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ettore Vita il 17/10/2012 10:19
    Gentile Vincenza, mio figlio mi ha raccontato che dopo un convegno lui e il suo capo non vollero prendere il taxi come molti colleghi ricercatori. Tornarono pigiati nella metropolitana insieme a tanta povera gente di vario colore. Scesi, il capo gli disse, quando questa gente si accorgerà che gozzovigliamo con i loro soldi ci sarà una rivoluzione. Il problema è che in Italia sono in molti ad avere qualcosa da perdere o almeno a sperare di ricavarne qualcosa... e tutti ce ne stiamo buoni.
    Per quanto riguarda di educare il popolo e i governanti al rispetto della legalità, mi chiedo ma chi può svolgere il ruolo di educatore?
    A Copenaghen ho visto che tutti si mettono sulla destra sulla scala mobile, a Roma o a Napoli sarebbe impensabile! Noi siamo un popolo di furbi. Io sono pessimista. È di questi giorni la dichiarazione di incostituzionalità dei tagli ai manager pubblici e ai magistrati che guadagnano oltre i 90 e i 150 mila euro. I tagli sono stati definiti tasse e quindi incostituzionali perché non estesi ai privati. Come se i dipendenti privati potessero essere equiparati ai pubblici! A Roma le dodici tavole dovevano servire per tutelare i deboli, in Italia servono per tutelare i potenti!
  • Anonimo il 17/10/2012 09:36
    Sono perfettamente d'accordo con te. Stiamo assistendo alla saga più becera del potere. Il male è sempre esistito, non c'é dubbio, ma bisogna trovare una via d'uscita, soprattutto per dare ed avere delle speranze. Platone parlava anche del buon governo per il buon cittadino ne"La Repubblica" e i governanti li definiva come coloro che hanno la virtù della saggezza con l'obiettivo in cui la felicità risiede nella giustizia e nell'armonia complessiva dello Stato. Concludo dicendo che il nostro Paese potrà uscire da questo marasma, educando il popolo e i governanti al rispetto della legalità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0