accedi   |   crea nuovo account

Nasci a Napoli e poi muori

A Napoli, per morire, basta poco. Anche esserci nato. Non c'è bisogno di lavorare sodo per fare strada nella camorra prima di cadere a terra dopo un agguato oppure essere riempito di pallottole in una sparatoria. Morire a Napoli è diventato di una semplicità disarmante. Basta passeggiare per le strade della città, andare a lavorare, andare a giocare a calcetto con gli amici, prendere l'autobus. Che sia un proiettile vagante oppure un intero caricatore, un regolamento di conti andato a buon fine o uno scambio di persona, Napoli concede a tutti il brivido di sentirsi in pericolo di vita. In nessun posto come a Napoli, la morte è "una livella". Un camorrista, un pusher, un tossico, un bravo ragazzo, uno studente, una bambina... nessuna categoria di persone è esente. Siamo tutti in bilico, tra la vita e la morte, tra i sogni più belli e gli incubi peggiori. Perchè a Napoli, in un attimo, diventa tutto nero. E non c'è spiraglio, non c'è un briciolo di luce. Pasquale Romano, l'ultima vittima di questa assurda città, è l'ennesimo schiaffo alla vita, un altro graffio all'anima di un popolo che sta estinguendosi come i dinosauri. L'ultima vittima in ordine di tempo, sia chiaro. Dopo Pasquale, arriveranno Francesca, Carla, Fulvio, Simone, Enrico, Debora. Nomi a caso, pescati a sorte ed offerti in sacrificio ad una città che diventa sempre più rossa, di sangue, di disperazione, di vendetta. Rossa come la lava di quel vulcano che vorrebbe sputare addosso ai suoi concittadini la rabbia per averlo fatto diventare un oggetto da esporre in vetrina e niente più, un soprammobile di lusso, l'impressione su una cartolina che diventa sempre più opaca. A Napoli si muore, ed è una cosa triste. A Napoli si sopravvive, ed è deprimente. A Napoli non si respira più.

Non bastano il lungomare, il golfo, il Vesuvio, Posillipo e Marechiaro. Non bastano. Questa città sopravvive da troppo tempo grazie a questi panorami-palliativo che nascondono il dolore dei suoi cittadini ed allietano gli occhi di chi la guarda da lontano o le si avvicina per poco tempo. Chi la vive tutti i giorni, invece, sa bene che dietro queste scenografie così belle c'è il sangue, il dolore, la morte. E c'è tutti i giorni. E c'è per tanti motivi. Pasquale Romano, così come Antonio Landieri, Annalisa Durante e tanti altri, sono stati uccisi perchè erano "nel posto sbagliato al momento sbagliato". Il posto sbagliato è Napoli, il momento sbagliato potrà essere sempre, fino a quando quelli che stanno ammazzando questa città non saranno cacciati via per sempre. Perchè sono loro che stanno nel posto sbagliato, ma questo i napoletani non l'hanno ancora capito. I napoletani chiudono le finestre, affidano la loro macchina al parcheggiatore abusivo raccomandandogli di trattarla bene, chiedono un posto di lavoro per i loro figli al potente di turno, prestano il fianco alla prepotenza, vivono di connivenza. Fino a quando sarà così, Napoli sarà il posto sbagliato.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/10/2012 13:09
    scrittura pulita, messaggio forte chiara e condivisibilissima(solo una piccola aggiunta:Napoli è una città "assurda" che può esistere solo in un paese assurdo come l'Italia!).

4 commenti:

  • Anonimo il 27/10/2012 12:58
    una ottima analisi sociale ben scritta ed articolata
  • Pierpaolo Orefice il 22/10/2012 09:45
    Caro Raffaele, io non mi sento un "giornalista" schiavo, nè tantomeno un giornalista (normale). Non scrivo articoli per pochi euro, scrivo gratis per me stesso. E con questo articolo ho voluto esprimere tutta la rabbia e l'indignazione che da napoletano, come te, provo in questo momento. E mi sono sentito di esprimerla nel modo in cui hai letto, con durezza e "parole forti". So bene che Napoli non è solo questo e può succedere ovunque, ma se la mia fidanzata mi tradisce, non mi consolo dicendo che può succedere a tutti. Non so se ho reso l'idea.
    P. S: tra le mie intenzioni non c'era quella di scrivere un articolo usa e getta, ma di gridare la disperazione che può assalire un ragazzo napoletano come me in un momento del genere.
    Saluti.
  • Raffaele il 22/10/2012 09:21
    grazie a questo articolo mi sono iscritto a wordpress, anche io, come tutti i napoletani e non solo, sono indignato e arrabbiato per la morte di Lino Romano, non doveva succedere. È successo a Napoli come poteva accadere ovunque, solo che queste brutte notizie a Napoli fanno più rumore... ma Napoli non è così, a Napoli non si nasce e poi si muore, mi rivolgo a quei "giornalisti" schiavi, che come te, io li chiamo semplici appuntati, per pochi euro sono disposti a scrivere articoli usa e getta. Mi ripeto, Napoli non è così. Sono vicino al dolore della Famiglia Romano. Ciao Lino.
  • Pierpaolo Orefice il 20/10/2012 18:01
    Grazie mille per la "scrittura pulita". Sono d'accordo con l'assurdità della città e del paese in cui si trova. Saluti e grazie per essere passato da qui.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0