accedi   |   crea nuovo account

Tempus fugit

Un vecchio capannone diroccato. Un uomo ansimante legato ad una sedia.
- Non la farai franca Diaz!
Incalza il poveretto, nella situazione in cui si trova è difficile dire cose intelligenti. Lo capisco.
- Ahahah... povero illuso, ormai ho vinto!
Ah, ecco Diaz. Il classico latinoamericano grassoccio e pieno di anelli.
Tutto questo sembra un cliché televisivo, vero? E, infatti, è così.

La tv trasmette a ripetizione i film di Brian Davis. Attorone di Hollywood specializzato in film d'azione.
La nostra storia parla di lui?
Affatto, costava troppo.

Il nostro protagonista è il tipo sul divano in fintapelle che si agita mentre si nutre di stuzzichini.
È Fulvio Costernati, un ragazzotto sulla trentina con più peli che epidermide, la versione agghindata del cugino It.
Fulvio ha un sogno nella vita: riuscire a salvare il mondo come il suo eroe. Il suo unico problema è la tempistica. Da sempre succube del momento sbagliato, il nostro uomo non è mai riuscito a controllare il tempo in suo favore.
Questo è il motivo per cui non possiede un lavoro. Ha tentato ed ha fallito.
Ma la vita offre sempre una chance, ed anche stavolta non si è smentita.

Bussano alla porta.
Un pacco attende sull'uscio. Costernati strabuzza gli occhi e corre ad impossessarsene. Lo studia, rivoltandolo come un calzino. Infine lo apre.
Il pacco contiene una lettera scritta a mano, sbiadita, a tratti illeggibile.

Lopez p rt rà con una scorta di 4. Bisogna f rmarlo alla consegna. Urgente

Fulvio osserva la lettera interdetto. In silenzio.
- Ma certo - esclama - ho capito tutto! Lopez pArtIrà con una scorta di C4. Bisogna fErmarlo alla consegna. Urgente.
Era l'occasione che aspettava. Il sangue si fa strada nelle sue vene con la forza di uno tsunami. Era la sua occasione. Stavolta la tempistica non l'avrebbe fregato.
Rivolta il pacco, in cerca di indizi. Ecco venir fuori un biglietto da visita.
È la pubblicità di una copisteria in centro. Non c'era tempo da perdere. Stavolta ce l'avrebbe fatta a vincere, era sicuro.
Si tuffa in un paio di pantaloni sgualciti. Qualche problema con la chiusura lo rallenta. Decide di lasciarla perdere. La canottiera è sporca. È giusto cambiarla? No, non c'è tempo. Si infila l'impermeabile e prende un coltellaccio da cucina per difendersi.

12

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Massimo Bianco il 28/10/2012 17:08
    Anche in caso, proprio come col tuo racconto che ho commentato prima, il tema è presentato in maniera non banale, è questo già di per se è un pregio. Questo è forse meno brillante del precedente ma in compenso è più spiritoso e con una conclusione su cui non trovo nulla da eccepire. Infermità mentale. Eh sì, giusta diagnosi. Piaciuto.
  • Dario Caldarella il 25/10/2012 07:58
    Ti ringrazio
  • loretta margherita citarei il 25/10/2012 07:11
    molto apprezzato complimenti
  • Dario Caldarella il 25/10/2012 00:16
    Grazie mille!
  • Ellebi il 25/10/2012 00:08
    Bravo, racconto simpatico e ben congegnato. Complimenti e saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0