PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lezioni di maglia

Un negozio di filati è per me affascinante. Deve essere molto fornito e presentare tutti i gomitoli dei colori variegati in vista. Ecco si vedono i diversi tipi di fili pronti ad essere lavorati per le creazioni più fantasiose che io riesco ad immaginare già finite. Da un lato i colori brillanti delle sete e dei lini estivi e qua e là rocche di lane preziose. Cesti di filati a basso costo e per lo più acrilici adatti a mani inesperte che si cimentano nei loro primi lavori. Odori di fibre naturali e il tutto capace di far scorrere la mia creatività nell'immaginare composizioni complicatissime.
Arrivo ad una decisione sul colore e o spessore e vado a casa con il pacchetto pronta ad iniziare una nuova fra le molte opere da me realizzate negli anni.
Scelgo con cura i ferri da lavoro, solitamente sottilissimi, adatti a tenermi impegnata in un lungo lavoro che si sviluppa talvolta per mesi. Scelgo il punto che devo ripetere, ricamo selezionato fra complesse descrizioni di fili passati o accavallati, gettati o ripetuti in maglie a diritto e rovescio. Via via che scorrono i centinaia di punti piccolissimi la mente corre invece in pensieri lasciati liberi. Il lavoro cresce ed io penso alla figlia lontana, alla mamma sempre più vecchia e traballante, alle cattiverie di alcuni colleghi, alla dolcezza del sorriso dell'amatissimo nipotino, alle strepitose vedute rimaste nei miei occhi dall'ultimo viaggio. Il lavoro cresce e mi dà soddisfazione. Riconosco piccole imperfezioni di quando ero nervosa perché non ero riuscita a spiegarmi in una discussione famigliare, vedo qualche piccola aggiustatura perché ho commesso un errore e non ho avuto voglia di tornare indietro, così come non mi sono scusata di un torto.
La varietà nel lavoro a maglia è come la vita, fatta di tante e tante sfaccettature rappresentate dai colori e dai diversi motivi. Anche nel lavoro a maglia si possono scegliere strade semplici o percorsi tortuosi e non sempre le cose vanno per il verso immaginato, non sempre i risultati sono nelle attese. Talvolta il filato delude proprio come un collega, altre volte i risultati sono sorprendentemente migliori di quanto ci si aspettava.
Ma ecco che si forma un enorme garbuglio e non si sa come uscirne. Con pazienza, cercando di districare tutti i nodi che si formano, si prova e riprova e qualche rara volta improvvisamente tutto diventa semplice e la matassa si mette in ordine con un effetto a catena. Anche la mia vita mi ha posto di fronte a tante difficoltà e non saprei da dove iniziare a trovare soluzioni e poi, improvvisamente, tutto si sistema. Altre volte sono costretta a rinunciare a sistemare il gomitolo che diventa odiato e devo fare un taglio netto per ricominciare.
Così è anche la nostra esistenza dove, talvolta, ci si trova in situazioni pazzesche che non sembrano riescano a portare a una soluzione e le difficoltà che si sono accumulate sono troppe e solamente una soluzione drastica e radicale consente di poter proseguire.
La mia mente corre mentre il lavoro cresce e così che ho deciso della mia esistenza, come in questo gomitolo ingarbugliato. Ho deciso di passare a soluzioni categoriche e lasciare definitivamente la mia casa e la mia patria per seguire l'amata figlia e vivere una nuova vita e per sempre all'estero.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0