PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Balla Anita

Il marciapiede lucido in cui si specchiavano i lampioni pigri della notte, sembrava un mare scuro e calmo, le ricordava quando ci passeggiava da bambina la notte, tanto non la cercava nessuno, perchè nessuno era interessato ad una bimbetta magra ma aveva solo cinque anni.
Le macchine sembravano distratte, non si lavorava questa notte.
L'aria calda del vento estivo, le spiagge di sabbia finissima e una bimba dodicenne dalle movenze troppo femminili per la sue età... troppo bella.. l'adocchiò il padron, adocchiò il suo morbido volto bruno.
Ballava Anita, ballava lungo la spiaggia in mezzo alle baracche di cartone, ballava e il suo corpo fremeva dietro alla sua musica interiore. Il sole, il sole caldo sembrava inturgidire i suoi seni e un liquido interiore la scaldava e lei ballava. Troppo bella per la sua età, troppo sinuoso il suo corpo.
Ancora sentiva sotto i suoi piedi il calore di quella sabbia. Sembrava addolcire il peso di quei tacchi così fini. Era difficile ballare con quelle catene ai piedi ma Anita voleva offrire al vento quel suo ballo, che l'aveva condannata lì in quella notte di attese.
Ballare come un veleno, ballare e godere nel veder gli altri godere del suo corpo mozzafiato. Ballare tenendo gli occhi chiusi e fingendo di non sentire il puzzo di rhum che ha invaso la stanza. Solo lei, solo lei così minuta ma con quelle movenze, solo lei e si sentiva regina, regina di tutte quelle mani postulanti e vogliose.
La prima volta un dolore lacerante represso da rhum e lingue sguscianti e una nausea, una nausea feroce ma non poteva tornare indietro gli occhi felici di sua madre, il vestito nuovo per sua sorella e i sigari per suo padre.
Poi la vita ci pettina e ci doma e Anita imparò a ballare anche su quei letti sudici del retro saloon, era il pezzo più costoso, la minorenne e tanti famelici padri la guardavano indurendo la spada, senza vergogna e senza timore di quel Dio, paravento inutile di una morale inesistente. Il culo di Anita val bene una croce e una scomunica e il verme striscia e penetra tra quelle piume di povero pappagallino cubano.
Non amava camminare Anita, così seguendo il ritmo che le scorreva insieme al sangue lungo le vene, attendeva in quella notte senza tempo, spezzando i sogni infranti su quel marciapiede lucido, dove pigri si specchiavano i lampioni della notte, il prossimo sognatore di sensi.

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/11/2012 08:56
    purtroppo quando si parla o scrive di questi temi delicatissimi, pur stando più che attenti, si finisce per cadere nella banalià nel "già scritto", ma tu sei stata bravissima... lirica e dura al tempo stesso... complimenti!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 18/11/2012 07:50
    UNA PIAGA DI SANGUE CHE MAI RIMARGINERA' FINCHÈ L'UOMO UN CUORE NON AVRA'...
    TOCCANTE NEL SUO PROFONDO COSTRUTTO... IL MIO ENCOMIO SILVIA...
  • Antonio Garganese il 18/11/2012 04:40
    Storia cruda eppure tenera: l'innocenza violata, la necessità ma, sempre e comunque, un sogno da rincorrere.

3 commenti:

  • silvia leuzzi il 21/11/2012 09:30
    Grazie Francesco e non aver tema di criticarmi che lo sai ho piacere solo di essere letta un bacio a tutti voi
  • silvia leuzzi il 18/11/2012 10:54
    I miei lettori fidati... un bacione e una buona domenica ad entrambi grazie ragazzi
  • Rocco Michele LETTINI il 18/11/2012 07:52
    SCUSAMI SILVIA... UNA PIAGA DI SEMPRE... NON SO PROPRIO PERCHÈ HO DIGITATO SANGUE...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0