accedi   |   crea nuovo account

Pigia Start

Mi sono svegliato da poco - a volte nei sabati estivi mi affaccio al mondo quasi al tramonto.
Ho ridotto il bagno in un campo da combattimento.
Barba-doccia-shampoo-accappatoio-gel -phon.
Ripulisco velocemente.
Camicia bianca "slim" - mette in evidenza gli addominali.
Jeans, scarpe, cintura, profumo griffati - occhiali da sole - pure.
Griffe vere, non patacche.
Controllo. Tutto ok mi sembro a posto.
Portafoglio, chiavi dell'auto, bancomat, patente: ok ci sono.
Mi guardo allo specchio e sorrido.
Beh che c'è di strano? Sì in questo mondo di incazzati neri io sorrido.
Apro la porta della camera < ciao stronzetta, io vado come sto?>.
< Stai come sempre. Coatto. Fai cagare. Sembri una checca>
<Seeembro ma non lo sono. Tu invece sei una stronza certificata. Una vera stronza Made in Italy >
Mi arriva qualcosa - credo una ciabatta - la schivo chiudendo di scatto la porta.
Mia sorella è così. Tre anni più piccola di me, è la versione definitiva di quello che volevano i miei genitori.
Io sono stato il prototipo.
Studiosa, gentile, educata, generosa, pratica danza, bel portamento, bel fisico non appariscente, colori tenui.
Solo con me usa termini come 'fai cagare', solo con me è aggressiva.
Ama gli animali, fa volontariato, va a messa e ha uno spiccato senso del dovere.
Naturalmente "fa il classico". E quando ha finito di fare tutto ciò, mi corregge la 'consecutio temporum' - come la chiama lei.
Mah...
Dice che sono un cafone/ignorante sebbene lei stessa ammetta il mio bilinguismo:dialetto stretto con qualche intermezzo di italiano - "livello uno".
Una così non puoi che chiamarla "vera stronza Made in Italy".
La adoro.
Sì, ok lei è una giusta, però in fondo che fa? Non è che rida molto spesso, anzi.
Lei 'cogita' , io 'sum'. Tiè! Alla faccia della 'consecutio 'nonsocchè'.
Mia sorella si chiama Valentina - nome adatto a una "giusta".
Dice che io mi accontento.
Eh beh? Sì io mi accontento. Mi accontento dei 60/100 della maturità, in fondo è stato un ottimo risultato considerando che ancora ho qualche libro col cellophane.

1234

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 27/01/2013 21:17
    felice di tornare a leggerti... racconto molto scorrevole, bello poi che tu lo abbia visto nell'ottica di un uomo... e poi diciamo sti uomini che fanno i duri e i bulli in fondo in fondo sono solo dei teneroni... bel racconto brava...

5 commenti:

  • Anonimo il 03/09/2013 12:07
    Ecco, questo me l'ero perso... magari ero in tutt'altre faccende affaccendato... chiedo venia. Molto bello... mi piace come scrive... un saluto.
    P. S. approvo il commento di Stella luce.
  • Ely xx il 31/07/2013 20:35
    Grazie Angelo per avermi letto e per i tuoi commenti. È sempre gratificante ricevere impressioni, soprattutto se positive.
  • cadoni angelo il 31/07/2013 16:42
    Mi hai sorpreso, il finale non e' mai stato scontato, infatti diverso dalle mie aspettative. Un bel racconto, ricco di dettagli e di passione. Figo. Continuo a leggere...
  • Ely xx il 13/02/2013 07:28
    Grazie Chira. Un commento da te che scrivi con tanta maestria e con tanto "cuore" non puo' che lusingarmi. Gratificante. Un abbraccio. Ely
  • Anonimo il 12/02/2013 19:26
    Un inno al presente da vivere e all'amore giovane. Letto d'un fiato, scritto perfettamente, armonioso, gradevolissimo e poi... la fantasia di raccontarsi come fossi uomo è troppo forte. Ciao Ely!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0