PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Attimi

Ti osservo illuminato dal primo raggio del mattino e penso a cosa ne era di me prima di incontrarti. Quanto tempo passato ignara dell'esistenza della felicità, quella sensazione che ti scalda il cuore e ti riduce al rogo lo stomaco, soffocandoti e lasciandoti impietrita difronte all'avvenire. A volte vorrei riappropriarmi della mia anima, dei miei pensieri, delle mie parole, che costantemente sono rivolte e dedicate a te;una marionetta i cui fili sono tesi dall'amore e dalla tua volontà, questo è rimasto di me, un tempo cinica ragazza indifferente alla trappole di Eros. E se nei momenti in cui i nostri corpi vicini si fondono in uno solo per compensare l'un l'altro la solitudine che ci segna nell'anima, la mia vita si colora di un blu cobalto "Matisse" (vedi voce Joie de vivre) e tutte le sofferenze, tutti i pianti acquisiscono un senso, quando, invece, le tue braccia mi lasciano e mi trovo, bambina, fra mille ostacoli, sento addosso l'odore acre e il peso dell'abbandono. È in questi momenti, in cui tu non ci sei a tenermi le mani, in cui precipito in un baratro e rimpiango con lacrime salate la virtù che prima di te avevo, quell'impavido coraggio di affrontare tutto da sola, senza avere bisogno di nessuno e progettando gesta magnanime per il futuro. Ora il mio futuro sei tu, non posso fare altro che sperare di averti accanto me, di sentirmi dire che sono l'unica per te. Ma ti sento lontano e questo mi lacera dentro, togliendomi il respiro e la spinta per andare avanti.
The less you know, the happier you are. Meno sai, meglio stai. Se non ti avessi incontrato, mio piccolo Eros più vecchio di Crono, starei ancora ruggendo contro il mondo, insensibile e spietata. Mi hai castrato nell'anima.

 

3
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • stella luce il 12/02/2013 08:12
    Stupendo. Tanto amore ma anche tanto dolore.
    Nn è vero che meno si sa e meglio si sta... il sapete rende liberi lasciando il dolore libero di essere.
  • loretta margherita citarei il 12/02/2013 07:19
    apprezzato complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0