PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A mia madre

Mia cara mammà,
te schivo sta littera,
te schifo, o te scribo,
inzomma vegno co chesta mia a dirti,
ca ma truvu buonu in salute,
in quantu a suordi, no; nun hai capitu,
I nun songu suordu, inzomma dinari,
nun ne tengu mancu unu.
E tu me rici che songu i danari, senza issi, nun m'accattu mancu na caramella.
E stongu ca, luntanu a vuje, senza arte ne parte e co e lacreme dinte l'uocchie, e vene Pasca, o Pasqua che sia e a Cuncittina mia nun aggiù mancu la camisella ca la prumuttitti, si avissi la pistola mi sparassi. Nu piezzu e panu, nu tarullu e nu bichieru e vinu miezzu a vuje e songu gran Signore. Mentre mia cara mammà, aggiu persu a vuje, l'onore e a Patria, nun songu mancu scrivere ma sentu Napule, te e tuti quanti vuje dintu a stu core che stranieru è divenuto e chiagne chiagne e sogna u cielu azzurru goppa o Vesuviu e nun s'azzittisce.

 

0
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/03/2013 08:09
    bellissima commovente pien di sentimento forte... uno sfogo con la propria mamma... che etutto comprende i miei elogi don...
  • loretta margherita citarei il 27/02/2013 05:51
    LA TRISTEZZA DI CHI CONOSCE LA POVERTà, ISPIRATA DAL FILM L'EMIGRANTE DI MARIO MEROLA, PIACIUTA
  • Rocco Michele LETTINI il 26/02/2013 20:54
    Una lettera simpaticamente costrutta... quasi una parodia del grande Totò... IL MIO ENCOMIO DON

4 commenti:

  • Anonimo il 24/05/2013 08:54
    Originale, triste e nello stesso divertente, commovente ma anche esilarante versione in una lingua coniata a bell'apposta( a me pare)
    della celeberrima canzone di anonimo napoletano: L'emigrante.
    Cara madre... sta giungendo Natale ed io sono lontano, e questa lontananza mi è molto amara. Mi manchi tu, la nostra terra, il mare ed il nostro cielo, che piango per la mancanza... un brano questo suo scritto con il cuore in mano, come s'usa dire. Un saluto.
  • Nicola Lo Conte il 03/03/2013 22:00
    Grande il dolore espresso, da tanti immigrati provato.
  • Anonimo il 27/02/2013 14:01
    Triste e bella questa tua poesia.
    Ciao Don!
  • bruno guidotti il 27/02/2013 06:05
    Al di là di apprezzamenti o meno, di esperti del settore, questa poesia è drammaticamente toccante, bravo Pompeo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0