PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tra Casaleggio (profeta della guerra) e Maiello (poeta dell'amore) vincerò io!

All'era gaia post bellica di Casaleggio (secondo lo scrittore di fantascienza Philip K Dick), da scrittore di morale do credito, invece, alla profezia Maya secondo la quale, visto che il 21/12/2012 la fine del mondo non c'è stata, ha inizio la nuova era spirituale.
Avevo appena pubblicato il mio libro natalizio "La luce dell'anima", come al solito in tema spirituale (cerco di insegnare "l'educazione morale" con scale cognitive e poesie educative) e, venuto a conoscenza di questa seconda ipotesi Maya, ho ripubblicato (casa editrice Montecovello) "La luce dell'anima" con il sottotitolo "secondo la profezia 21/12/2012 dei Maya".
Lo spot pubblicitario è... dai Maya a Maiello verranno i tempi belli e in fatto di tempi i Maya e il sottoscritto siamo ben ferrati e più veritieri, anche perché da parte mia, seppur sistemista fallito (per disegno fatale!), le mie convinzioni e sistemi si basano sul metodo cartesiano che si fonda sull'evidenza (casistica, statistica), analisi, sintesi ed enumerazione.
Proprio per trama divina mi son dovuto dare alla filosofia (per fortuna non all'ippica!) dove ho elaborato le coordinate umane che sono lo spazio (il vuoto della materia) ed il tempo (l'età della materia), anche coordinate dell'anima con lo spazio che misura la grandezza della materia (corpo) finita e il tempo la lunghezza del pensiero (spirito) infinito.
Ritornando ora alla disputa intellettiva con Casaleggio, la sua affermazione che l'uomo sarà Dio non si discosta molto dalla verità, perché, con l'era spirituale, certamente gaia, il pensiero illuminato dall'amore farà risplendere e darà luce alla corteccia cerebrale, quella fantomatica corteccia associativa dove ha sede il pensiero illuminato, in virtù del quale perverremo al genoma eccelso e l'uomo (da figli del Padre siam legati a Lui con il cordone spirituale della coscienza!), grazie al genoma eccelso, sarà a immagine e somiglianza divina.
Gli americani, maestri di scienza e di tecnologia, caro Gianroberto, non potranno mai creare il superuomo di Kurzweil, mostro di tecnologia, o risuscitare l'umanità (centro di criogenia "Alcor life extension foundation" in Arizona!) e, pertanto, consiglio loro un po' di filosofia (noi napoletani per la vicinanza alla Grecia ne abbiamo tanta!) spicciola alla portata di tutti che, saggiamente, ci insegna che l'uomo è una prelibata materia spirito materia.
Proprio nella filosofia si cela il disegno divino... Dio il Signore formò l'uomo dalla polvere umida (TERRA+ACQUA), gli soffiò nelle narici un alito vitale (carica spirituale, l'attuale energia oscura e in archè=FUOCO+ARIA) e l'uomo divenne anima vivente, a sua immagine e somiglianza, dalla cellula primordiale o spirituale (pensiero-amore-coscienza) del suo Creatore!
La filosofia, ben analizzando, con le magistrali triadi (di maestro in allievo) dei filosofi naturalisti (Talete/acqua, Anassimandro/àpeiron e Anassimene/aria) e spiritualisti (Socrate/coscienza, Platone/amore e Aristotele/mente eccelsa) ci riporta alla divina creazione e con Empedocle centra in pieno i quattro elementi (terra, acqua, fuoco/Eraclito e aria) creativi presenti nella miscela umana.

123

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Francesco Andrea Maiello il 09/03/2013 11:43
    Mi scuso per la complessità del testo tra scienza (schemi), filosofia (sintesi)e religione (allegoria biblica)ma, ti assicuro, andar dietro a Casaleggio che parla di un futuro dove l'uomo sarà dio e Grillo il nuovo Gesù Cristo è un dire che scombussola le menti! Ricambio cordialmente i saluti
  • Anonimo il 09/03/2013 02:49
    Faccio davvero fatica a starti dietro, fra scienza e filosofia, ma mastico un po' di politica, storia e letteratura varia. Conosco P. Dick, e forse lui saprebbe scrivere qualcosa di originale sull'accoppiata Casaleggio Grillo, per quel che mi riguarda invece, per ora, quei due signori mi fanno venire in mente certe passi di Orwel, e pure certe uscite del Grillo ricordano metodi di altri tempi. Lui, il Grillo, ama spesso concionare di morti e di cadaveri, riferendosi ai suoi avversari, oltre che urlare i suoi celebri vaff.. per cui è noto da tempo, e sono in molti a scusarlo dicendo che si tratta del suo linguaggio, a cui non bisogna far caso più di tanto. Le sue molte ragioni tuttavia non bastano a renderlo del tutto convincente e dunque attenderemo più che le sue parole, le sue azioni concrete. Saluti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0