accedi   |   crea nuovo account

E in sottofondo Fred Bongusto

Lo hai alzato quel sopracciglio arcuato e rifilato, ombreggiato di polvere satinata e l'occhio un po' all'in giù, tuo naturale. La linea scura del trucco contrastava con le iridi chiare ma seguivi con la coda dell'occhio, fino all'estremo del vedibile, il pianista del pianobar, che vedevi solo di profilo e non poteva incrociare il tuo interesse, intento com'era a guardare per aria, dondolando il capo, ispirato dalla melodia di Fred Bongusto, chè come lui nessuno lo sa fare il cantante da night. T'annoiavi in quella serata poco promettente e seguivi le bolle del perlage che dal bicchiere di moscato fresco parevano cercare, alzandosi a coppie, una via di fuga verso il mondo superiore. Fu così che non percepisti l'avvicinarsi del cameriere, alle tue spalle. Alzasti i tuoi occhi, conscia ch'erano belli e a presa rapida. Vi fu un impatto di momento e di battito di ciglia. Il cameriere era una ragazza, vestita in nero e pantaloni con banda di seta al lato del calzone. Ti guardò per nulla intimidita, sulle labbra un sorriso rosato e discreto, ma gli occhi chiari appena socchiusi sembravano soppesarti: " Lo so chi sei, ubriacona ". " Desiderate altro, signora?" ti chiese con la professionalità di chi si fa l'intera stagione in riviera. Da seduta le potevi ammirare la carne fresca del collo, che s'allungava fuori dal colletto maschile della camicia, chiusa con un papillon. Non avevi voglia di null'altro ed il locale con le sue pretese d'altri tempi, una classe negligé, ti parve improvvisamente vecchio e sorpassato. " Lei balla? " chiedesti alla ragazza. All'altra s'illuminò lo sguardo, che aprì con curiosità facendo fuggire il brio della sua giovane età, trattenuta a stento. Le ciglia biondo pallido sembravano flessibili setole." Amo ballare signora, però ora non posso", rispose gentile e solidale. " Mi faccia una cortesia" - le sussurrasti guardandola negli occhi senza dardeggiare, perchè forse ti sarebbe piaciuto avere una figlia così ed invece eri soltanto una sciantosa di provincia - chieda al pianista se può accennare a " Una rotonda sul mare"... e poi mi porti pure il conto". Mentre la ragazza si allontanava, riappoggiavi la schiena alla poltroncina e perdevi lo sguardo tra i piccoli cristalli semoventi dell'abat-jour.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • salvo ragonesi il 28/05/2013 08:07
    il desiderio di un ballo... mha. bello e scorrevole questo racconto. brava. salvo
  • Anonimo il 17/04/2013 21:35
    La solitudine di una donna, in un racconto estremamente elegante, perfetto nei particolari dei personaggi e dell'ambientazione. Sempre un bel leggere!
  • loretta margherita citarei il 04/04/2013 19:55
    bel racconto, letto tutto d'un fiato

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0