PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fantasie

Ieri ero sola, con i miei pensieri, con la mia tristezza.
Oggi ho il mare davanti, sono ancora sola ma guardo tutte quelle gocce di tristezza, come hai detto tu, e le sento cadermi addosso. Mi sono distesa in riva, sento le onde lambirmi, come carezze nella notte. Aspetto l'alba per immergermi di nuovo. il caldo dell'estate me lo permette ed io mi sento attratta dalla schiuma che si fa densa e mi vuole portare via come fa con le conchiglie piene si sabbia dorata.
Non voglio annullarmi dentro di te, voglio solo ritrovarmi, urlare la mia rabbia, liberarmi dall'odio che provo.
Voglio pulirmi l'anima che lui ha sporcato senza rispetto.
La spiaggia è colma di pezzi di legno, riconosco un uccello dalle forme strane, un coccodrillo verde come il muschio. Un gabbiano si posa aspettando l'arrivo di un pesce che non verrà mai come lui, che nemmeno sogna di soccorrermi, di aiutarmi di farmi comprendere il perché della fine della storia.
Nonna, nonna mia, dove sei? Mi hai troppo coccolata e adesso non so affrontare la vita, la vita vera senza illusioni, senza quel principe azzurro di cui mi hai sempre parlato.
Lo sapevi anche tu: Lui non esiste!

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/05/2013 18:39
    UN RACCONTO MIRABILMENTE COSTRUTTO. MALINCONICO E RIFLESSIVO IL PERIODO DI CHIUSA.

3 commenti:

  • Anonimo il 09/08/2013 20:48
    Esiste l'incanto di quando sei piccola e la nonna ti racconta la storia di un principe azzurro che arriverà con un cavallo bianco. Forse non esiste, questo principe, come lei sostiene ma io peso che il calore di quei momenti vissuti da bambina le sarà di conforto per tutta la vita. Bello, il suo racconto.
  • Anonimo il 14/05/2013 12:35
    Ho un serio dubbio sull'incipit. Io avrei marcato di più il fatto che era sola. Per esempio si poteva iniziare così: Ieri ero sola. Sola con i miei pensieri, con la mia tristezza.
    Non le pare che la solitudine di quel momento venga meglio rappresentata in questo modo?
    Comunque sia il racconto è valido, anche originale... c'è una parte che non ho capito ma se vuole ne parleremo in privato.
    Forse mi sbaglierò ma si nota la mano di una che ha frequentato un corso di scrittura creativa... mi dica pure se sbaglio. Io ho la mania della punteggiatura, come lettore, e sulla sua avrei qualcosa ( poco ) da dire. Senza acrimonia... un saluto.
  • loretta margherita citarei il 13/05/2013 19:15
    molto apprezzato brava