accedi   |   crea nuovo account

È stato il diavolo a tentarmi

Giacomo era sprofondato nella sua poltrona rossa. Quella poltrona era nel suo immaginario il simbolo del riposo del corpo e della mente. Aveva appena preso in mano un libro, che sentì la porta di casa aprirsi, e subito dopo un rumore di pacchi e buste.
" Caro sei già a casa, che bello! "
Paola la sua bella moglie fece irruzione nella stanza e Giacomo comprese ben presto, che il suo pomeriggio di lettura e silenzio era andato in fumo. La moglie era una tempesta di evanescente allegria, che amava sedurlo con i suoi abiti attillati, dentro ai quali esplodeva un corpo ancora piccante, nonostante i suoi cinquantanni. Paola amava fare acquisti di abiti, scarpe, monili di ogni genere. Giacomo cercava di tenere a freno questa sua dispendiosa passione, pur non avendo particolari difficoltà economiche.
Quel giorno era uscita con un'amica ed era ritornata con una scatola, che accarezzava con lo sguardo.
Guardò Giacomo con gli occhi, che sembravano due smeraldi rilucenti al sole :
" Guarda Giacomo, guarda che bello! " esclamò raggiante.
L'uomo, profondamente scocciato, alzò su di lei uno sguardo greve e brontolò:< Un altro vestito mia cara? Ma hai un armadio strapieno! Non ti bastano tre vite per indossarli tutti! Certo non ti capirò mai >
Paola atteggiando il viso al broncio, come fosse una bambina, rispose con voce carezzevole e sensuale: " Ma Giacomo è stato il diavolo a tentarmi "
Davanti a quella risposta, che aveva il sapore dello scherno, Giacomo con una voce leggermente incrinata dall'irritazione: " Beh allora tu dovevi intimargli un bel - Vade retro Satana! - te l'ho già detto, mi pare o no? "
Paola sarebbe scoppiata in una fragorosa risata, se non avesse dovuto fingere un dispiacere inesistente. Ancheggiando per la stanza si girò verso il marito, lasciò che una ciocca dei biondi capelli ricadesse languida sul suo viso, protendendo le rosse e carnose labbra si giustificò:
" Ma caro quello è stato maldestro, è passato alle mie spalle sussurrando: "Anche da dietro ti sta a perfezione " Non ho saputo resistere! "
A quelle parole Giacomo non dette seguito. La moglie con quella sua splendida carrozzeria il diavolo lo avrebbe sempre incontrato. Meglio tornare ad una sana lettura

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 27/06/2013 13:34
    ahhah divertente, e davvero ben scritto... baciu zia!

6 commenti:

  • silvia leuzzi il 29/06/2013 14:20
    Grazie ragazzi è un racconto nato per gioco o per scommessa e mi ha consentito di cimentarmi in un tema per me insolito. Un salutone a tutti
  • Anonimo il 29/06/2013 13:01
    Divertente. Complimenti.
  • Anonimo il 29/06/2013 11:15
    Breve ma ricco di humor e sostanza. Ben scritto. Certo che tutte le curve sono difficili da saper prendere!
  • silvia leuzzi il 26/06/2013 22:38
    Grazie amiche mi fa piacere che vi sia piaciuto
  • Anonimo il 26/06/2013 22:16
    Bello... Ti auguro una serena Estate...
  • loretta margherita citarei il 26/06/2013 18:14
    molto apprezzato brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0