PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Leopardi e Lord Byron

Parametri oggettivi e soggettivi nella litweb contemporanea.

In quella miniera aurea di precise osservazioni e geniali intuizioni che è lo "Zibaldone" di Giacomo Leopardi, capolavoro indiscusso della letteratura nostrana, leggiamo una profetica descrizione dell'attuale litweb da social forum nel foglio 226:

"Laonde è veramente miserabile e barbaro quell'uso moderno di tramezzare tutta la scrittura o poesia di segnetti e (226) lineette, e punti ammirativi doppi, tripli, ec. Tutto il Corsaro di Lord Byron (parlo della traduzione, non so del testo né delle altre sue opere) è tramezzato di lineette non solo tra periodo e periodo, ma tra frase e frase, anzi spessissimo la stessa frase è spezzata e il sostantivo è diviso dall'aggettivo con queste lineette (poco manca che le stesse parole non siano cosí divise), le quali ci dicono a ogni tratto come il ciarlatano che fa veder qualche bella cosa; Fate attenzione, avvertite che questo che viene è un bel pezzo, osservate questo epiteto ch'é notabile, fermatevi sopra questa espressione, ponete mente a questa immagine ec. ec., cosa che fa dispetto al lettore; il quale quanto più si vede obbligato a fare avvertenza, tanto più vorrebbe trascurare, e quanto più quella cosa gli si dà per bella, tanto più desidera di trovarla brutta, e finalmente non fa nessun caso di quella segnatura, e legge alla distesa, come non ci fosse. Lascio l'incredibile, continuo e manifestissimo stento con cui il povero Lord suda e si affatica perchè ogni minima frase, ogni minimo aggiunto sia originale e nuovo, e non ci sia cosa tanti milioni di volte detta, ch'egli non la ridica in un altro modo, affettazione più chiara del sole, che disgusta eccessivamente, e oltracciò stanca per l'uniformità, e per la continua fatica dell'intelletto necessaria a capire quella studiatissima oscurissima e perenne originalità.
(25. Agosto 1820.)

Queste osservazioni di Giacomo Leopardi mirano a confutare la mancanza totale di parametri oggettivi nella letteratura romantica di Lord Byron, tutta tesa a produrre UN EFFETTO nel lettore con un'orgia indebita di punti esclamativi e lineette che spezzano le frase in modo furiosamente parattattico.
La formazione di Leopardi è stata senz'altro classicista e illuminista, nel senso che per lui la letteratura doveva suggerire al lettore qualcosa di chiaro, limpidamente fruibile e sensato, lasciando spazio alla sua libertà di lettura e senza violentarlo con ridondanti effetti da ciarlatani.
Eppure capiva bene e apprezzava l'importanza della rivoluzione romantica, questa reazione all'arroganza di molti illuministi e classicisti che pretendono di avere una risposta assoluta per ogni argomento dello scibile umano e d'imporle agli uomini con uno Stato totalitario e assassino.
Basti un nome su tutti: Robespierre, e ci siamo intesi sulle possibili degenerazioni del classicismo e dell'illuminismo.
Leopardi amava la nozione di volontà individuale del Romanticismo.

12

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 12/07/2013 00:16
    Quando trovi un libro al supermercato, e sei attratto solo dalla copertina, bhe, rientra un po' in quello che hai spiegato come "lezione" del modo in cui bisogna scrivere e dei modi di scrivere a seconda del periodo storico e delle innovazioni portate dai circoli culturali. Gli autori fino inizio novecento, non utilizzavano in modo così massiccio i media. L'uso dei media ha appiattito la capacità del lettore e di conseguenza lo scrittore si è adeguato, per motivi commerciali, a un livello basso. Alcuni libri sono scritti come sceneggiature per un film. Gli scrittori contemporanei, replicano ciò che ci circonda, lussi, violenza, sesso, romanticismo, con intrecci, quelli più bravi, complicatissimi che ti ci vuole il quaderno accanto per prendere appunti. Dal lato dei poeti invece, penso che il loro pragmatismo è più intimo, quindi, anche con metafore funamboliche, ma io preferisco quelli che scrivono senza troppi paroloni incomprensibili con riferimenti ai classici, alla storia, perchè il comunicare scrivendo non deve essere per pochi, ma per un raggio di persone, tra quelle che leggono, il più ampio possibile. Poi la grammatica. La grammatica si è trasformata, non esiste più quella dell'ottocento, ci sono persone che scrivono tesi a pagamento per altri, che non sanno metter insieme un concetto con gli elementi base quali articolo, soggetto, complemento oggetto, verbo e via dicendo. Queste cose non vengono più insegnate o in rari casi, mentre i ragazzi sono a riprendersi con il telefonino. Eppoi esiste una casta chiusa di scrittori che impone uno stile, e in questo momento quasi apocalittico c'è un appiattimento di tutti gli autori. Considerando che a 99 centesimi trovi il romanzo uscito tre anni fa e il classico greco. Oggi davanti una libreria c'era un cartello che più o meno diceva: un libro è qualcosa che ti rimane dentro, una volta letto su carta lo puoi dare a tuo padre, a tuo figlio, non è qualcosa che appare e scompare su dei pixel. Fà tristezza in una citta come firenze vedere tre librerie storiche chiuse nell'arco di tre anni. E l'impegno pari alla poca considerazione che hanno, dovuto anche alla crisi economica attuale, le librerie ancora, chissà per quanto, aperte. Sembra di vivere il periodo in cui fù bruciata la biblioteca d'Alesandria. Mi sono dilungato e ammiro le tue citazioni e considerazioni sul concetto di Letteratura.

5 commenti:

  • Mauro Moscone il 12/07/2013 06:52
    Caro Raffaele,
    la grande Marguerite Yourcenar scriveva:
    " Fondare librerie e biblioteche è ancora un po' come costruire granai pubblici: ammassare riserve contro l'inverno dello spirito."

    Prepariamo colbacchi, tabarri e sciarpone di lana: l'inverno dello spirito italiano è già arrivato e Madre Storia insegna che dopo la distruzione dei libri cominciano i regni del caos e della violenza.
    Buona fortuna caro amico, e grazie del contributo stupendo.

    Conoscevo bene "La libreria del Porcellino", la "Chiari" e la "Martelli". Tutte chiuse: l'Apocalisse italica.
  • Anonimo il 04/07/2013 14:12
    "La letteratura non può essere ossessionata dai suoi effetti sul lettore, ma deve possedere dei parametri oggettivi".
    Questa mi piace molto.

    Suz
  • stefano il 04/07/2013 11:53
    molto bello sto racconto complimenti
  • Mauro Moscone il 04/07/2013 10:46
    Ben detto cara Ely, abbi gioia
  • Ely xx il 04/07/2013 09:51
    Purtroppo oggi contano i "like". Più like hai, più sei "in". Altrimenti sei "out". Anche i vari tipi di "smile" sono importantissimi.
    E se dimentichi le "h" poco importa. La punteggiatura è un inutile optional che fa perdere solo tempo.
    Triste.
    Il Poeta di Recanati si rivolterà nella tomba.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0