PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un caso strano

sara, guardandosi allo specchio pensò ad un intervento chirurgico.
non che avesse un brutto naso, anzi, ma dopo aver provato ogni tipo di farmaci, e sei mesi di
iniezioni, si era rassegnata a tenersi la sua pollinosi.
il medico consigliò a sara per la rinite allergica di cambiare aria.
come andare al mare, allontanandosi dalle polveri allergiche, che attenua la stenosi nasale.
il marito giorgio lavorava tutto il giorno, ma tornando a casa era un continuo starnutire della moglie sara.
però ricordando un giorno molto particolare del 25 aprile, la cerimonia del loro matrimonio
era stata interrotta degli starnuti di sara sull'altare.
un caso clinico!
la clinica apparteneva a giorgio dove svolgeva il suo lavoro strano.
i ricchi li ricoverava tutti a destra per il trasferimento della loro pollinosi, mentre a sinistra i disoccupati pronti a ricevere l'allergia in cambio di denaro.
per il signor giorgio r. fondatore della clinica, un onesto medico che curava il trattamento di pollinosi da una persona all'altra.
intanto per la clinica fu un progetto fallito.
un giorno giorgio fu abbandonato dalla moglie sara così ebbe la possibilità di scrivere poche righe a suo marito, lasciandolo perchè era lui il suo problema della pollinosi.
sveglia!!! era tutto un brutto sogno.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • ernesto musiari il 02/08/2013 15:21
    Si, come dice Raffaele non si capisce il finale.
    Presumo che ci sia un errore di punteggiatura:
    Un giorno giorgio fu abbandonato dalla moglie.
    Sara così ebbe la possibilità di scrivere poche righe a suo marito, lasciandolo perchè era lui il suo problema della pollinosi.
    presumo...
  • Raffaele Arena il 18/07/2013 03:09
    Scusa se mi permetto di essere franco. D'altronde un commento deve essere qualcosa, e accetto volentieri quando ricevo critiche e non solo, in alcuni casi complimenti. Personalmente questo racconto lo trovo scritto frettolosamente da un punto di vista formale, nella sostanza ci sono delle idee, anche per degli sviluppi ironici. Poi probabilmente lo hai pubblicato senza rileggerlo, il che può capitare. Ma per esempio: L'ultima parte:
    un giorno giorgio fu abbandonato dalla moglie sara così ebbe la possibilità di scrivere poche righe a suo marito, lasciandolo perchè era lui il suo problema della pollinosi.
    sveglia!!! era tutto un brutto sogno. Chi abbandona chi, Sara o il marito. Lungi da me fare il censsore, ma il finale non si capiscie.. poi lo sveglia!!! Ls trovo come un racconto a voce, riportato osì com'è su carta. Comunque le mie sono consideraziooni legate a un genre, il racconto, che è una forma di letteratura tra le più difficili da scrivere. Comunque, La sostanza c'è, manca una forma più chiara.
  • Anonimo il 16/07/2013 20:53
    Ma con chi ce l'hai? Anonimo.
  • Anonimo il 16/07/2013 20:27
    Che ti fa schifo commentare quelli del sito invece di commentare gli autori famosi?
    Eppure i commenti li chiedi.
  • Anonimo il 13/07/2013 22:59
    Sì, non mi è dispiaciuto, mi piace il genere... anche se mancano le maiuscole

    Suz