accedi   |   crea nuovo account

Militari

Accade che a Piacenza, in un lunedì dopo il ritorno dalla licenza, mi sento male ed ho uno svenimento. Solo una febbre alta (influenza) e un abbassamento di pressione ma, cadendo nel corridoio della camerata, mi rompo i denti.
Ecco accorrere prontamente il (sotto) tenente Caudarini, detto il "Caudillo", un imboscato con la fissa di fare il rambetto che vede finalmente uno scenario di guerra: io disteso in una piccola pozzetta di sangue.
La prima domanda che mi fece una volta rinvenuto fu:
"Ti sei drogato?".
"No grazie!" gli risposi.
Ambulanza? Macché! Facciamo tutto da soli, siamo militari, che diamine!"

Il "Caudillo" non vedeva l'ora di essere finalmente operativo, e con un'emergenza per dimostrare il suo mal sopito spirito guerriero.

Il tenente si organizza e passa all'azione!
La tristissima camerata era al primo piano di un ex convento cadente adattato in maniera posticcia a caserma. Così sono trasportato al piano di sotto, come si farebbe con un grosso pacco voluminoso o un cadavere da occultare.
Viene presa una coperta di quelle militari grigio marrone con bande finali bianche ed avvolto in questa, vengo trasportato da quattro commilitoni che mi tirano su dai vertici della coperta.
Due ripide rampe di scale, poi sono adagiato su un furgone verde per l'inizio della pellegrinazione per Piacenza sotto la supervisione del sergente maggiore Campanella, all'opposto del "Caudillo" disincantato come pochi, un impiegato più che altro intento a piccole ruberie da niente, tanto gli altri rubano di più, quindi...
Piacenza è città dalle vie strette, e dalle molte curve! Prima tappa all'ospedale militare dove mi fanno un elettrocardiogramma e mi dimettono perché non avevano posto e comunque ero in condizioni di tornare in un'infermeria, che però in caserma non avevamo.
Si riparte così verso l'ospedale civile, dove arriviamo dopo un altro tortuoso percorso, che vedevo sdraiato dietro il furgone. Anche lì elettrocardiogramma ed elettroencefalogramma e assicurazioni che va tutto bene, a parte i denti rotti.
Per il ricovero non era possibile perché ero militare, dovevo ritornare all'ospedale militare.
Ma c'ero stato!

Comunque un altro tentativo fu fatto; di nuovo nel furgone, ospedale militare e nuovo rifiuto. Mi sembrava di essere "il malconcio" che Alberto Sordi porta in giro per gli ospedali romani e che nessuno vuole.
Dopo trattative, seguenti al secondo rifiuto, si riparte per altra destinazione, stavolta previa prenotazione, in un'altra caserma di Piacenza, dove finalmente avevano un'infermeria.

12

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Marcello Piquè il 09/09/2013 07:26
    non deve essere stato piacevole quel giro "turistico". sei anche te di livorno? comunque mi è piaciuto, bravo
  • stella luce il 10/07/2013 17:37
    Racconto di un momento della tua vita. Il servizio militare come forse era inteso prima era davvero una questione di fortuna e basta... di certo sapevi di avere un cuore super controllato... bello leggerti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0