accedi   |   crea nuovo account

Sua maestà il congiuntivo

Giovanni scrive.
È seduto con le gambe incrociate dietro la sua scrivania ottocentesca che ha comprato chissà quando a Porta portese.
Un giorno con il borsalino grigio sulla testa e la sciarpa di seta al collo girando per il mercato, notò quella scrivania e le si fermò con la bocca aperta davanti.
L'antiquario, un tipo alto, secco come un chiodo e la barba lunga e bianca si avvicinò, sorrise e chiese se poteva essere d'aiuto.
Giovanni non parlava, era estasiato, quella scrivania era dei primi del secolo scorso, di mogano, con il pianale in pelle ricamato.
"Quanto costa" chiese.
"Mille euro e te la porto anche a casa" disse l'antiquario gonfiando chiaramente il prezzo.
Giovanni che nella sua vita era sempre stato un risparmiatore, tirò fuori dalla tasca un biglietto da visita, lo porse all'antiquario e gli chiese di passare nel pomeriggio.
Ora aveva quella scrivania, la sciarpa di seta al collo, il borsalino grigio sulla testa, la pipa e gli occhiali anni settanta che fanno molto scrittore.
Giovanni scrive ma non scrive romanzi.
Vorrebbe essere uno scrittore ma quando ti trovi a quarant'anni suonati, mezzo pelato, con l'asma, una moglie che guarda Forum e un figlio che ti chiama Giovanni anziché papà, cominci a diventare leggermente insoddisfatto della tua vita.
Giovanni scrive, non scrive romanzi ma recensioni.
Ha la mano veloce e la penna allenata, e non usa "ma però" nemmeno se sbaglia a parlare.
Ha studiato Giovanni, all'università prese lettere e filosofia, conosceva tutti i poeti e scrittori del novecento, dell'ottocento e più lontano, ed era in grado recitare tutti i canti della divina commedia.
Meglio di Benigni diceva, ma lui Giovanni non era raccomandato, diceva.
Sapeva mettere tutte le virgole al posto giusto ed era il genio della grammatica, mica come Fabio Volo o Moccia, diceva, lui era superiore, diceva, lui aveva studiato, diceva.
Giovanni scrive, non scrive romanzi, ma recensioni, recensioni su un giornale di nessuno.
Oppure si chiama rivista, piccola e online.
Giovanni però leggeva tanto.
La sera si sedeva dietro la sua scrivania, con la pipa in bocca, la sciarpa di seta al collo e gli occhiali anni settanta che facevano molto scrittore.
Ma a Giovanni non piaceva fumare, era agosto e con gli occhiali non vedeva un cazzo da vicino.
Giovanni quand'era ragazzo scriveva di più, ed ha ancora un libro nel cassetto. Un mix fra Bukowsky e Pasolini, con tre quarti di Calvino, l'unghia dell'indice della mano destra di Dante, e le atmosfere poetiche di Neruda.
Lo mandò a tanti editori, ma nessuno volle pubblicarlo, non era pronto dicevano, non era raccomandato, diceva.

12

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 10/07/2013 18:14
    molto originale piaciuto
  • Anonimo il 10/07/2013 17:07
    Il tuo racconto mi ha incuriosito. Bello e originale. Bravo.
  • Anonimo il 10/07/2013 15:58
    davvero molto bello, un racconto "soffuso" e particolare, mi è piaciuto davvero tanto
  • Ely xx il 10/07/2013 15:06
    Delizioso. Non aggiungo altro. Veramente delizioso. Bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0