PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dove si comincia a bruciare i libri, si finisce col bruciare gli uomini

( Per una migliore comprensione del racconto, visionare tramite Google immagini l'installazione di Micha Ullman contro il rogo dei libri, presente a Berlino, in Bebelplatz.)

Nel sogno, stavo in piedi sopra una lastra di vetro, in una grande piazza di una sconosciuta metropoli europea, e guardavo in basso, stupito.
Sotto il vetro c'era solo una piccola stanza quadrata vuota, tutta bianca, circondata da scaffalature, vuote anche loro.
La lastra lentamente s'incrinava e si spezzava e precipitavo in un abisso fatto di luce abbagliante, pixel e byte...

Mi alzai dal letto madido di sudore e andai ad accendere il mio portatile.
A colpo sicuro andai a cercare gli scatti di una mia visita a Berlino di dieci anni fa.
Era il settantesimo anniversario dell'orribilmente celebre 10 maggio 1933, quando sull'Opernplatz di Berlino venne organizzato un grande falò dove vennero gettati circa 25mila libri considerati dai nazisti "contrari allo spirito tedesco".
Joseph Goebbels, il ministro della Propaganda nazita, affermò che era un ottimo modo "per eliminare con le fiamme lo spirito maligno del passato". Non fu l'unico rogo di quei giorni, di "Bücherverbrennungen" ce ne furono molti e in tutta la Germania, in quelle settimane, sempre organizzati "spontaneamente" dalla "Hitler Jugend", l'Associazione studentesca giovanile della Germania.
I danni inferti al patrimonio letterario e artistico tedesco sono ancora oggi incalcolabili.

Oggigiorno Opernplatz non si chiama più così, le hanno cambiato nome dopo la guerra, nel 1947, facendola diventare Bebelplatz (in onore del politico August Babel, co-fondatore del partito socialista tedesco), proprio per cercare di far pensare al rogo come a un evento lontano non solo nel tempo, ma anche nello spazio mentale delle idee e della politica.
Sfoglio il file della gita a Berlino ed ecco la foto digitale che cercavo!

Al centro del suolo della piazza c'era un pannello trasparente, sul quale mi trovai sopra per caso.
Da quella lastra era possibile vedere una stanza sottoterra piena di scaffali vuoti.
Si trattava di un'installazione dello scultore israeliano Micha Ullman del 1995. Accanto al pannello c'era una citazione del poeta Heinrich Heine:
"Dort, wo man Bücher verbrennt, verbrennt man am Ende auch Menschen".

"Dove si comincia a bruciare i libri, si finisce col bruciare gli uomini."

Nel mio studio, nella parete dietro la mia schiena, quel giorno avevo montato delle mensole per libri che erano al momento vuote.
Osservai nel video il riflesso di quelle scaffalature vuote alle mie spalle e per un breve momento mi girò la testa, in preda a una vertigine.
Il sogno si stava ripetendo da sveglio, nel cuore della notte.
Mentre mi appoggiavo alla sedia reclinabile della scrivania, pensai a quel monumento berlinese di Micha Ullman come a una terribile profezia dell'avvento dell'era dei computer e degli e-book... i libri non sarebbero stati mai più bruciati ma "eliminati" con un terribile e globale tasto Canc.
Mi sentivo cadere e pensavo:

"Dove si comincia a cancellare i libri, si finisce con l'eliminare gli uomini."

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 30/07/2013 17:35
    Ottimo racconto, bellissima citazione e rivisitazione moderna assolutamente calzante. L'uomo è memoria, se delega la memoria a un pc e metti caso quello va in tilt, son cavoli amari. Vorrei inoltre esprimere una riflessione su come, nel corso della storia dell'uomo, a partire dagli scritti e dipinti a muro dei nostri antenati ominidi e homo sapiens, all'incendio che distrusse completamente la biblioteca di Alessandria (non certo per caso), al sacrificio di Savonarola con tutti i testi che i potenti clericali del tempo consideravano indemoniati. Insomma il predominio di un'ideologia politica inculcata su una popolazione, da parte dei potenti, viene espressa con la distruzione delle opere culturali della parte avversa. Pensiamo allo scempio commesso dai Conquistadores in america latina, o quello degli Stati Uniti, Russia e Cina, che dal 1800 bombardano zone dove tra il tigri e l'Eufrate, si ricorda tra le più antiche civiltà della storia antica ma poi nemmeno troppo. La violenza tende a distruggere, come atto brutale di ignoranza e predominio, ogni opera culturale che, con sentimento razzista, considera "intelligente" capace di minare il potere stesso di chi lo detiene.

2 commenti:

  • Mauro Moscone il 08/08/2013 15:11
    CIAO RAFFAELE E GRAZIE: BUONA ESTATE!
  • Ellebi il 16/07/2013 00:45
    Ormai è impossibile cancellare i libri, sono tutti nel "web", a miliardi ormai. Tu pensa che in un solo di DVD, ho più o meno 4000 libri completi, fra cui quasi tutti i classici della letteratura mondiale. Forse sarebbe possibile cancellarli tutti ma bisognerebbe regredire di qualche era. Saluti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0