accedi   |   crea nuovo account

Autori contemporanei

Rick Crok, pseudonimo di Carlo Carletti, che da più di trenta anni pubblica un paio di libri ogni anno è divenuto ormai fenomeno mondiale. Ogni libro da lui pubblicato è minimo cinquecento pagine. Oltre la quantità è naturalmente la qualità narrativa che incolla il lettore al libro. Fin dalla prima pagina che per uno stratagemma commerciale ha davvero della colla che ti si appiccica un dito e col cavolo ti riesce di staccarlo. Da esaltare inoltre la qualità delle strategie di marketing che, subliminalmente, hanno portato al suicidio anche casalinghe che non hanno mai letto un libro, ma saputa l'uscita del ribro del Carletti si sono suicidate perchè nopn l'hanno comprato. Mha. Si ricordi inoltre l'uscita attesissima della terza pubblicazione che concludeva la trilogia dedicata alla critica della filosofia contemporanea. Infatti dopo il primo libro "Bhe", cinque milioni di copie, "Bho", sette milioni, ebbene in America fu allestita l'uscita notturna del libro per le due e venticinqe di notte al Giant Stadium di New York (dove ci tengono il superboolle) , e circa tre kilometri di coda di lettori fedelissimi, attesero davanti la cancellata in no modo di entrare e aquistare, nell'immenso stadio allestito a libreria per primi la pubblicazione. Il caso fece che i libri, visto il casino, sgattaiolarono dall'uscita secondaria per non dare nell'occhio e si creò una rissa gigantesca che i maligni dicono creata ad ok per dar più risalto pubblicitario al volume. Rick Crok nasce a Belluno, in un ora che non c' era nessuno presso l'ospedale in loco, l'ostetrica e i medici convocati per il parto, si rendono conto subito delle dimenbosioni e dello spessore del bimbo. Parto cesario, spiattellato già con venti chili di peso e una penna in mano. Le operae di Rick Crok variano dal giallo, al noir, al pois rosa o rosso shocking, a libri di antropologia, fannullagginee, hobby sul fai da te un'arma (lontano da luoghi abitati). Da ricordare inoltre oltre la serie legata all'investigatrice BONA BONA, ambientato nella New Bho degli anni venti (luogo creato in ogni minimo particolare dall'autore stesso, con una verosimiglianza a Lido di Camaiore d'estate, impressionante). Alcuni titoli di successo: "Una serpe e dov' è per sonagli?", "L'orologio è fermo ma non rotto, cambiamogli le pile", "L'amante dell'amante ma di chi?" eccetera. Per non parlare di alcuni saggi di storia, di personaggi che hanno avuto potere nella storia, di contadini che hanno coltivato nella storia. Di astronomia, di astronomi con binocolo, senza binocolo, fenomenali a guardar le stelle e riconoscerle tutte a occhio nudo fino a centinaia di anni luce di distanza. Insomma. Da considerare poi che ogni libro è edito e lanciato sul mercato ( si ricorda la strage del 2008 quando furono distribuiti da un grattacielo dallo stesso Carletti, poi arrestato, probabilmente in stato di brezza, stava volando giù, i libri davanti sono caduti a piombo sulla folla sottostante) dalla oramai multinazionale CIRK CORK. Le opere di Rick Crok riguardano poi, Pittura, Scultura, Sprechi, Spazatura, Dittatura e come fare a scrivere in corsivo a penna. Dopo questo fenomeno gli altri autori "planetari" ossia tradotti in minimo dieci lingue in tutto il mondo (che il Carlo lo traducono anche in latino antico, per dire, casomai si inventasse la macchina spazio tempo) quali: Sveva Casati Modigliani, Stephen King Camilleri e Cammilleri (da non confondere i due che il secondo scrive in stretto dialetto italiano). Stephen King, Arthur Sir, Dan Brown (ormai di una tonalità più dark brown), Wilbur Smith, Patricia Cornwell e tutti gli insetti che descrive, Lapo Elan, Bruno Scrivo Rigo per Rigo ( scrittore di origine toscana citato su lauto compenso) (n. d. s.), Niccolò Ammanniti, Figheira Avallone, Piero, Alberto e i discendenti per due generazioni degli Angela. Insomma l'elenco continuerebbe ma abbiamo problemi di spazio, un tanto di riga a paragrafo, capite bene. Molti di questi autori, invidiosi del Carlo sono stati costretti, ognuno per conto suo e uno psicologo per ciascuno, ad andare in terapia per "Stress da sconfitta di vendite". L'unico uscito subito dalla terapia, non ne capiva il senso, grazie al suo ottimismo perpetuo: Lapo Elkan, intravisto poche ore dopo su una cinquecento fiat taroccata e dai colori indefinibili, naturalmente da lui personalizzata insieme al suo fantasmagorico staff. Vi forniamo per concludere un documento dimenticato pubblicato su "La repubblica che fu" con una rara intervista da parte di Eugenio Scalvori al Carletti. Riportiamo dall'edizione del cinque di maggio di quest' anno: E. S. "Nel corso dei miei ottanta anni, dall'età della ragione, non ho mai conosciuto un'autore con una testa delle sue dimensioni, e di conseguenza della sua intelligenza riconosciuta a livello internazionale. Ma a scanso degli elogi meritati che hanno portato più scrittori alla neuro nel mondo, dopo aver letto un suo libro, che lettori, politicamente lei come si inquadra. Destra, centro o sinistra?"C. C. " MI sorprende questa sua domanda. Nel mio saggio sulla politica di oggi "La poltrona non te la dò" esprimo tutto il mio rigurgito riguardo la politica, i politici e i mass media asserviti a questi soggetti, di dubbia moralità. Escluso lei naturalmente.."E. S. "La ringrazio ma anche io modestamente slappo a destra e sinistra, slap, slap. Nella sua lunga bibliografia a quale libro risulta più affezionato?"C. C. "Le sembrerà strano ma al prossimo libro che andrò scrivendo, un libro sul momento di fragilità e precarietà che stiamo viveeennndoooooooo... La testa del Carlo ha perso una molla da dietro e tutti i circuiti sono disattivati, continueremo l'intervista appena la manutenzione degi ingegneri esperti di robotica avranno riparato il guasto.

12

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 28/07/2013 17:11
    bè ogni tanto ci vuole un po' di livore e di ironia graffiante... Perchè è ormai davvero troppo, l'arte è ridotta a supermercato, anzi siamo arrivati al discount... bravissimo
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2013 16:03
    IRONICAMENTE DOTATO DE LI ATTRIBUTI PIU' ELOQUENTI... STRAORDINARIO RAFFAELE...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0