accedi   |   crea nuovo account

Una lettera mai spedita (quello che non ti ho mai detto)

Può capitare a tutti di trovare in un cassetto, nel PC o in una scatola posta nel ripostiglio o in cantina, una lettera che per un motivo che la mente non riaffiora si è deciso di non spedirla più. A me è capitato di trovarla una mentre riordinavo alcuni documenti sul mio PC, come spesso accade nel rileggerla ti accorgi quanta tenerezza ed amore provavi nello scrivere quelle parole. Quanta amarezza apprendi dopo averle lette pensando che quelle parole dovevano essere mandate alla persona che più amavi tanto( mio padre) e che gli sarebbero state utili. Ti rendi conto dopo che è troppo tardi per farla leggere , troppo tardi per dirgli quello che avresti dovuto dire. Ti domandi se da lassù il buon Dio potrà farla recapitare... Papà queste sono le parole che non ti ho mai detto perché non l'ho mai spedita.. perché?
Ciao papà monopoli 15-4-2009
In questa mia lettera vorrei raccontarti un po' di me, senza essere monotona. Spesso mi interrogo se piace anche a te parlare un po' , sapere della mia vita, del mio passato di quello che mi è successo, dei miei momenti di difficoltà, delle mie paure, delle mie debolezze e mi sono chiesta se un giorno ti torneranno in mente queste mie parole, un po' sofferte un po' d'amore, che spesso preferisco tenerle dentro anziché esprimerle. A volte si dicono cose che non vorresti dire, spesso è la coscienza che ti spinge a farlo nel tempo giusto, nel suo rimorso, ma poi ti rinchiudi in te stessa, nelle ritrosie disperate, forse per pigrizia o per svogliatezza, in un " ma tanto è chiaro o.. è inutile dirglielo tanto lo sa già .. o forse "sarebbe meglio non farlo sapere", rimandando tutto ad un altro giorno, lasciandoti sperare che un giorno accadesse spontaneamente senza alcuna tua richiesta. Non è certamente questione di carattere, come giustamente potresti pensare, ma è questione di cuore. Molte volte preferisco spedirti messaggi, però vedo che cadono nel vuoto a "quel ti voglio bene "probabilmente ti sembra molto scontato di cui invece di rispondere preferisci il silenzio,( perché non ti piace rispondere ai messaggi ) senza capire il profondo senso di quello che provo a dirti. Non ti ho mai detto quanto sia difficile spiegare il vero senso della mia vita quando le lacrime riempiono gli occhi e i battiti scoppiano il cuore nel scrivere "mi manchi". A volte nei guai mi sento come una barca in mezzo al mare con la paura di affondare ma sapendo che tu ci sei posso consolarmi e tornare a navigare. Mi sarebbe piaciuto vivere con te e tenerti la mano come farebbe una figlia con il proprio padre, camminando una vicino all'altro e forse anche giocare per sentirmi tornare bambina ed essere cullata ed amata con affetto e poter avere tutto quello che la mia vita mi ha tolto, la tua presenza, il tuo amore. Ho lottato contro ogni controversia da parte di chi ha sempre cercato d'impedirmi d'avere contatto con te, superando con difficoltà l'odio e la violenza inflittami. Forse a dispetto di tutto, sono solo curiosa di comprendere il tuo mondo, la tua vita, il tuo modo d'essere, le tue capacità nell'essere padre che per nulla al mondo avrei voluto perdere. Ho numerosi difetti ma anche pregi, odio la gente falsa, sono vendicativa ma non sempre, a volte dico cose che poi mi pento, anche nei miei pregi non sono da meno. Sono sensibile ed altruista inoltre amo con il cuore. Spesso mi hanno gridato in faccia d'assomigliarti, beh! se tutto quello che dicono fosse vero, ne sono orgogliosa d'esserlo. Da bambina t'ho cercato nei miei sogni apparivi come un cavaliere errante sguainando la spada salvandomi dalla strega cattiva e dal mostro nero, poi con il crescere ho cominciato a non credere più ai sogni, visto che non sei mai venuto. Qualcosa stava certamente cambiando in me, vedevo la realtà, era come un bivio che ci divideva, il destino aveva il suo ruolo ma non il mio amore per te. Forse sto solo dicendo un sacco di stupidaggini, vorrei che tu capisca quanto ti amo e t'amerò ancora. Forse un giorno ti rivedrò, chissà sarà il giorno giusto, ed io aspetterò .
TI VOGLIO BENE PAPA'

 

2
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 30/08/2013 13:46
    quanta nostalgia amore e rimpianti per chi non c'è più e quante parole non dette alle persone amate come fossero eterne e pronte a viverci per sempre accanto dolce profonda sentita e bellissima
  • Antonio Garganese il 23/08/2013 14:16
    Argomento serio, profondo e sincero. Il testo non si legge, ognuno ha la sua strada, conta solo se quanto hai trovato per caso per iscritto ti abbia portato conforto. Te lo auguro. Un saluto.

7 commenti:

  • Caterina Russotti il 23/08/2013 20:06
    Hai ragione Giulia, devo ricordarmi di dire... Spesso ai miei genitori quanto sono importanti per me... Grazie a Te
  • Giulia Gabbia il 23/08/2013 19:04
    Antonio mi chiedi se mi ha portato confornto? No! ho pianto tanto..
  • Giulia Gabbia il 23/08/2013 19:01
    Questa lettera l'ho pubblicata con lo scopo di sensibilizzare il lettore a ricordarsi che non serve orgoglio x un semplice ti voglio bene.. Mio padre nn c'è più ma da lassù sa bene che lo amo.. ciao Pa'
  • Giulia Gabbia il 23/08/2013 18:58
    Questa lettera lo pubblicata con lo scopo di sensibilizzare il lettore a ricordarsi che non serve orgoglio x un semplice ti voglio bene.. Mio padre nn c'è più ma da lassù sa bene che lo amo.. ciao Pa'
  • augusta il 23/08/2013 16:26
    semplice semplice... ma di una dolcezza infinita... molti figli si ritroveranno in questo tuo scritto... 1 beso
  • Caterina Russotti il 23/08/2013 16:19
    Bella.. Noi figli lo sappiamo, tante volte vorremmo confidarci con i nostri genitori o semplicemente dirgli... Ti voglio bene... Parole che a volte lasciamo dentro di noi senza esternarle, vuoi perché i papà di una volta, dei nostri tempi erano meno avvezzi a coccole o dimostrazioni di affetto rispetto a quelli di oggi. Sapevi però che anche nel loro silenzio vi è o vi era tanto amore.
  • Falco libero il 23/08/2013 14:28
    Molto ma molto bella, emozionante e coinvolgente. Quante cose da dire e non dette, ferite profonde che lasciano un segno indelebile.