accedi   |   crea nuovo account

Una briciola della mia vita ( prima parte)

Avevo quattordici anni quando mio padre mi accompagnò a Trivento ( CB)
per frquentarvi la scuola media statale.
Giunti al convitto, con una piccola valigia, nella quale c'era
tutto il mio corredo, chiedemmo del direttore.

Un istitutore ci pregò di attendere mentre ci avrebbe annunciati.
Dopo qualche minuto riapparve con il Monsignor Gianico, uomo di grande fede,
che ci accolse con gentilezza e grande ospitalità e ci invitò ad entrare
nel suo ufficio, la direzione.
Era un uomo di statura normale ma di una grande personalità che metteva ad agio
e disagio allo stesso tempo.
Portava gli occhiali calati un po' sul naso ed aveva il viso roseo e la pelle
molto delicata.
Con molta religiosità e sicurezza pronunciava le parole spontaneamente
e ben amalgamate.

Ad un tratto, standomi di fronte, mi poggiò una mano sulla spalla
mentre con l'altra mi sollevò il mento affinché lo guardassi in faccia e disse:
figliolo, se ti impegnerai nello studio, se sarai corretto con i tuoi compagni
di scuola e col resto dei convittori, solo allora sarai uno studente esemplare
ed io ti aiuterò con tutte le mie forze.

A quelle parole scattò in me una gran timidezza e contemporaneamente una voglia
di non deludereed una forma di rispetto che fino a quel momento non conoscevo.
Mi pregò poi di uscire e di aspettare nel pianerottolo mentre avrebbe parlato del più
e del meno con mio padre di cose che io non dovevo sentire ne sapere.
Dopo poco più di mezz'ora la porta s'aprì e mio padre abbracciandomi, mi disse
di stare attento e di rispettare chiunque, soprattutto Don Gianico che da quel momento
avrebbe fatto le sue veci. Mi guardò, mi strinse in un abbraccio interminabile, singhiozzando
e con le lacrime agli occhi s'allontanò raccomandandomi di scrivere presto e spesso.

Monsignore, che aveva assistito tutto a pochi passi, mi porse la sua mano nella quale rifocillai la mia e mi accompagnò in una camerata con una cinquantina di letti assegnandomi la branda,

12

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/09/2013 09:04
    Splendida lettura... un racconto bellissimo e commovente...
  • Anonimo il 25/08/2013 19:40
    Letto con interesse, forse anche perché a me piace molto il racconto autobiografico, anche se vagamente romanzato... sono certo che se non mi sfuggirà leggerò anche il seguito. Certo fatico a credere che tre anni in convitto siano stati i più belli della sua vita, ma dopotutto perché non credere in quello che ci vorrà raccontare.
    Per quanto riguarda la forma con la quale ha esposto la narrazione ho subito notato uno scarso uso della punteggiatura e devo dire che, pur non rappresentando la perfezione stilistica, è un modo per evitare strafalcioni e intoppi nella scorrevolezza. Un saluto.

2 commenti:

  • Mara il 27/09/2013 07:12
    Ottimo incipit, prende subito. Vado a leggere la II parte...
  • Nicola Lo Conte il 16/09/2013 21:11
    Apprezzabile il coraggio di parlare di se, con semplicità...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0