accedi   |   crea nuovo account

Infection - Parte 2

Passarono all'incirca 10 minuti, quando i tre infetti si alzarono e si guardarono intorno, era come se stessero annusando qualcosa
pensai subito che avessero capito che ero lì, in quel momento ero agitato e non sapevo cosa fare
ero del tutto vulnerabile alla loro potenza, ma ad un tratto gridarono, come se stessero morendo
e subito dopo si misero a scappare tutti e tre nella stessa direzione, scomparendo nell'ombra.
Aspettai per 5 minuti e poi mi alzai lentamente, guardandomi intorno, in caso erano nei paraggi, ma non c'era nessuno
così mi misi lo zaino sulle spalle e continuai a camminare lentamente tra gli alberi.
C'era qualcosa di strano in tutto questo, mi sentivo in pericolo, come se qualcosa dovesse accadere
e mentre camminavo, vidi un'auto, ma siccome era buio e non si vedeva praticamente nulla
mi abbassai e mi avvicinai con tutta calma, mentre mi guardavo intorno e notai fin da subito
che c'era molto sangue, anzi moltissimo, ed era fresco ma non c'era nessun cadavere
e sapendo questo mi agitai e cercai di rimanere calmo, mentre la paura mi stava assalendo.
Lentamente indietreggiai, e mentre lo facevo urtai col piede destro su qualcosa
mi girai di scatto e vidi il cadavere di un uomo che copriva tra le braccia una bambina.
Rimasi li per pochi secondi, senza parole, era una scena davvero orribile, davvero triste
ma notai che non erano morti per causa degli infetti, ma erano stati picchiati a sangue, quale mostro poteva fare tutto ciò?!
picchiare una bambina.
Forse l'uomo accanto a lei che copriva tra le braccia la bambina era sua padre?! credo proprio di si
non potevo lontanamente immaginare il dolore che a provato suo padre, non riuscendo a difenderla
l'impotenza di non riuscire a fare niente per la sua bambina
nessun padre al mondo vorrebbe vedere sua figlia morire in questo modo.
Ma il mondo in cui viviamo ora, sopravvive solo il più forte, non c'è spazio per i deboli
chissà quante famiglie sono morte nello stesso modo, quante vite spezzate per nulla
solo per il divertimento di alcuni bastardi, che amano fare queste cose.
Era così triste pensare a tutto ciò, e sapevo che non potevo fare nulla per cambiare le cose
mi sentivo così piccolo e impotente, ferito nell'anima, e sapevo che questa scena orribile
me la sarei portato con me per tutta la vita, fino alla fine dei miei giorni.

1234567

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0