accedi   |   crea nuovo account

Come si fa

È nato un novo giorno, questo evento che si ripete da un eternità mi affascina. guardo fuori dalla finestra, vedo il mio giardino, sembra che nulla sia cambiato dal giorno precedente, ma non è così, siamo sempre troppo distratti, e non ci accorgiamo che un fiore nuovo ha fatto capolino e si apre al sole.
Osserviamo la natura, ... mai è come il giorno precedente, i suoi colori, il sui profumi, sempre diversi.
Questo non accade per l'uomo.. a volte apre gli occhi e si ritrova con gli stessi pensieri, con gli stessi movimenti, con la stessa routin quotidiana, con la stessa apatia, con la non voglia di respirare la vita.
Come si fa per uscire da tutto ciò? Far si che ogni giorno sia diverso, come accade nella natura, splendida nel suo continuo rinnovarsi.
Come si fa a vivere di emozioni, che riempiono l'anima e ti fan venir voglia di far muovere questo nostro corpo, che a volte rimane immobile per la troppa pigrizia.
Come si fa ad avere pensieri e desideri che ci fan scorrere velocemente il sangue nel corpo,
Come si fa a capire che non si può cadere nel baratro dell’apatia.
Come si fa …………..?

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • *Sunflower* il 08/11/2011 17:10
    "Come si fa a capire che non si può cadere nel baratro dell'apatia." siamo sempre sull'orlo del baratro, sul filo del famoso rasoio, sempre con quel precario equilibrio, basta un alito di vento a farci cadere giù... ma se siamo capaci di stupirci per ogni piccola cosa, che sia il sorriso di un bimbo o una macchia di vernice sull'asfalto, quel baratro non potrà mai farci paura
  • silvia ragazzoni il 05/09/2009 19:58
    bella!!!
  • sara rota il 21/08/2007 16:03
    Per non cadere nello sconforto, basta guardare ciò che ci circonda ed apprezzarlo, come mi sembra tu sappia fare benissimo...
  • Ivan Benassi il 21/08/2007 11:16
    Bel racconto, non ti avevo ancora incrociato, scorrevole, ricco di domande e provocazioni. Come si fa? A volte basta porsi la domanda per trovare... la voglia di cercare la risposta. O meglio le risposte. Ciao. A rileggerci...
  • Riccardo Brumana il 27/04/2007 15:57
    mi hai condotto in un tunnel senza uscita con questo racconto, o forse ho semplicemente seguito la tua voce che veniva da la... come uscirne... con il coraggio di vivere la vita e uccidendo la paura di cambiare che ogni persona di un certo livello sociale ha. l'ho trovato claustrofobico come racconto. a rileggerci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0