accedi   |   crea nuovo account

La leggenda della rosa rossa del diavolo

Tanto tempo fa, il diavolo che come sappiamo viene dall'inferno, portò sulla terra un fiore speciale, fu chiamata rosa per il suo colore che incantava e allo stesso tempo ingannava.
Tante persone la videro in uno splendido giardino, ma nessuno la raccolse, tranne un uomo che era definito dal mondo, avaro. Perché il suo amore per il denaro era immenso. Nonostante ne avesse tanto, lo desiderava più di qualsiasi cosa. Quando la raccolse, dalla rosa spuntò una spina, una goccia di sangue uscì dal dito e i petali della rosa s'infuocarono. L'uomo spaventato e ferito la lasciò cadere per terra e scappò.
Un altro uomo la vide per terra, ma i petali non erano bruciati così curioso la raccolse, vide la spina e non la toccò, ma quest'uomo era molto superbo, apprezzava se stesso molto più degli altri, non sapeva il significato dell'umiltà e così spuntò un'altra spina. Anche lui dopo essersi punto e aver visto la rosa infuocata la abbandonò.
Un altro uomo la raccolse, la sua ira a vanvera nascondeva il perdono di ogni cuore. Senza ragionare, ma con il cuore infuocato come la rosa dalla quale spuntò un'altra spina e fu abbandonata.
Poi la raccolse un uomo lussurioso che pensava solo al lusso, esagerando e godendosi l'amore senza sentimenti. La stessa cosa successe e ancora la rosa fu abbandonata.
Quando passò di lì un uomo molto grasso che mangiava tanto, la rosa riconobbe l'ingordigia e non solo nel cibo, così successe la stessa cosa.
Passò un po' di tempo e la rosa non appassì, rimase con le cinque spine e cominciò a cambiare colore, era rosa ma con sfumature rosse. Le spine avevano ritoccato il colore, per far capire che chi l'aveva toccata si avvicinava al rosso e al diavolo.
Quando la raccolse un uomo che sentiva la gioia del prossimo con tristezza, provando solo invidia, spuntò la sesta spina e la rosa rimase abbandonata come prima.
La prese in mano un uomo che nell'accidia, perse il coraggio di affrontare la vita sentendo noia e tristezza. La pigrizia lo faceva rinunciare a tutto con l'indifferenza nelle cose che fanno parte della vita. Spuntò la settima spina pungente che fece abbandonare la rosa.
Infine, un uomo che aveva nel cuore amore sincero ed eterno, passeggiava nel giardino mano nella mano con la sua amata donna. Vide il fiore per terra e lo prese in mano per regalarlo a lei, questa volta non spuntò nessuna spina. Quelle che c'erano, con attenzione e amore, non furono toccate e non ci furono ferite. Entrambi sorrisero felici e quando si baciarono, la rosa che stava già cambiando colore prima, s'infuocò senza provocare dolore o paura. Aumentò l'emozione nelle loro anime e divenne rossa. Fu così chiama simbolo d'amore, che sconfigge il male.

 

2
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/09/2013 08:14
    Nel tuo profilo ti sei definita una che ama la poesia, ma non è molto brava... Questo racconto, che scorre tutto agilmente come una cascata dalla prima all'ultima parola, è tutta una poesia: relativamente al diavolo, che giustamente trasferisce nei sentimenti negativi degli umani... disumani; relativamente alle immagini che accompagnano tutto il racconto dinamicamente; grazie al fiore scelto, cui nel finale -bellissimo- doni la pienezza del significato che a questo fiore ha dato l'amore.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/09/2013 15:06
    Hai forgiato diligentemente condannandolo il grave peccare...
    Piacevole sequela... IL MIO ELOGIO E LA MIA LODE SARA...

8 commenti:

  • sara zucchetti il 24/09/2013 13:30
    Grazie mille Vera per il tuo commento ne sono onorata e sono contenta che ti sia piaciuto!
  • sara zucchetti il 10/09/2013 09:40
    Grazie Charles sono contenta che ti sia piaciuta.
  • Anonimo il 10/09/2013 09:20
    Bella questa leggenda, molto istruttiva ed originale... brava. Un saluto.
  • sara zucchetti il 09/09/2013 21:18
    grazie Nunzio!
  • Nunzio Campanelli il 09/09/2013 15:12
    Ecco perché non riesco a raccogliere una rosa senza pungermi. E io che pensavo di essere maldestro! Sagace e ben orchestrata. Ciao
  • sara zucchetti il 08/09/2013 20:21
    grazie mille dei commenti sono contenta che vi sia piaciuto
  • Ely xx il 08/09/2013 14:24
    Carina e dolce allegoria sul significato della rosa rossa.
  • karen tognini il 08/09/2013 14:21
    Brava Sara.. piaciuto molto...
    I sette peccati capitali raccontati con grazia...
    Solo chi ha un anima pura puó gioire nella semplicitá di una vita d'amore