accedi   |   crea nuovo account

5000 lire

Occhi castano-verdi intensi, capelli castano mossi raccolti con delle mollette da capelli sotto una cuffietta bianca, Cinzia, 16 anni o poco più, ricorda la Florence Nightingale di una volta.
Cinzia non avrebbe mai immaginato un giorno, di doversi scontrare con la dura realtà della malattia.
Ma eccola lì, a muoversi con cautela nei meandri di una corsia d'ospedale, intimorita ed impaurita di quella nuova esperienza di vita... Il tirocinio.
Quel giorno a Cinzia, venne dato il compito di occuparsi del rifacimento dei letti e dell'igiene personale dei pazienti.
Si avvicinò al letto di una vecchietta per aiutarla a mettersi in ordine.
Nell'aprire il cassetto del comodino si accorse che era vuoto, aprì gli sportelli, ma non c'era nulla il comodino era completamente vuoto.
Guardò la nonnina, le strizzò un occhio sorridendo e le disse: << torno subito >> .
Al suo ritorno aveva in mano un pettine con delle garzine infilate fra i denti, una saponetta, un telino, un collutorio, una bacinella, un'arcella ed un bicchiere con dentro dell'acqua.
Pian piano cominciò a lavare il viso e le mani della nonnina, facendo attenzione a non farle male ed infine, la pettinò.
La vecchietta soddisfatta, con un sorriso tirò fuori le uniche 5000 lire che conservava nel reggiseno per darle a Cinzia.
Grazie disse Cinzia, ma non posso accettarli.
Se non li prendi mi offendi rispose la vecchietta.
Cinzia lo sapeva, aveva fatto una promessa a se stessa il giorno che suo nonno morì.
Non poteva prenderli, ma cosa poteva fare per non offendere la dignità di quella povera vecchietta che la supplicava di prenderli?
In quel gesto c'era solo amore, allora Cinzia fece un sorriso alla vecchina e poi accetto i soldi con un grazie.
Il mattino seguente Cinzia si recò al letto della vecchietta con una borsa della spesa, dentro c'erano una spazzola, una saponetta con il suo portasapone, uno spazzolino, un dentifricio, una crema, dei fazzoletti di carta e dei tovaglioli.
Mise tutto nel comodino della vecchietta ed andò a prendere un telino, un catino con dell'acqua ed un'arcella.
Come il giorno precedente la lavò e la pettinò e dopo averle tagliato le unghie e messo la crema la saluto con un bacio.
Fra di loro un sorriso.
A domani disse Cinzia.
A domani rispose la vecchietta.
Quel giorno Cinzia, tra tirocinio e scuola, arrivò a casa stanca, la sua giornata non era ancora finita, l'aspettavano i compiti, e quando finalmente si adagiò sul letto per dormire, sorrise felice.

 

2
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/11/2013 11:21
    In questo racconto, s'incontrano due realtà, frutto dello stesso principio. Da un lato, l'attenzione e il rispetto verso l'uomo e l'uomo che soffre, in particolare; dall'altro il valore dei soldi, non inteso come mezzo di arricchimento, ma come elemento di riconoscimento del valore umano.
    Un racconto che dovrebbe sempre avere riscontro nella realtà. E mi viene da dire che chi dà del suo piccolo, dà del suo tutto.
  • Rocco Michele LETTINI il 12/09/2013 09:30
    Donarsi con il cuore nel prodigarsi con amore... un messaggio da cogliere... IL MIA ELOGIO CATERNA...

7 commenti:

  • sara zucchetti il 18/09/2013 09:56
    Bel racconto, l'intenzione della ragazza non era guadagnare, ma fare felice la nonnina e così ha fatto. La sua soddisfazione le ha fatto nascere un sorriso per la gioia di chi ha ricevuto!
  • stella luce il 16/09/2013 16:01
    che bel racconto... so per certo che nel mondo degli ospedali di geriatria vi sono ancora delle ragazze come Cinzia... donare riempie il cuore... bravissima
  • Anonimo il 13/09/2013 13:34
    Delizioso racconto colmo di sentimenti comuni ai lettori ma certamente significativi e profondi. Complimenti!
  • anna rita pincopallo il 12/09/2013 11:33
    un messaggio di dolcezza e di amore bellissima
  • salvo ragonesi il 12/09/2013 11:02
    il cuore può ricevere ma ridare molte cose. molto bella veramente.. salvo
  • Chira il 12/09/2013 10:18
    Cinzia ha donato attenzioni con amore verso chi ne aveva bisogno, piccole cose ma immense nella solitudine, malattia e vecchiaia. Scritto bene, breve ma intenso di bei sentimenti.
  • Eugenia Toschi il 12/09/2013 10:10
    "lezione"d'amore... un bellissimo messaggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0