PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo giorno

Aveva cercato di non pensarci, ma domani sarebbe stato l'ultimo giorno.
Spense il televisore che aveva guardato tutta la sera senza vedere niente e andò in camera.
Tutte le volte che entrava in camera l'assaliva un senso di nostalgia; il ricordo di Rosa.
Si erano conosciuti da sempre e le loro famiglie si frequentavano; per loro fu naturale fidanzarsi e sposarsi non appena Vasco entrò in ferrovia.
Quarantanni insieme senza la felicità di un figlio ma con tanto amore e complicità, poi quel cancro maledetto gliela aveva portata via.
Come sempre, spense la sveglia prima che suonasse, andò in cucina a prepararsi il caffè si fece la barba e indossò la sua uniforme da macchinista.
Al deposito, come immaginava, c'era un gruppetto di amici e colleghi che lo aspettava.
< Ciao Vasco, buon per te che da domani potrai fare quello che hai sempre desiderato.>
< Te ne vai e ci lasci qui a soffrire.> e altre banalità prima di consegnare, con un certo imbarazzo, il regalo che avevano preparato; una canna da pesca con tutta l'attrezzatura, mulinello e lenze.
< Grazie amici, mi avete fatto proprio felice. Domani mattina collauderò questa splendida canna con un bel pesce. >
Il capo deposito disse qualche parola di circostanza e poi:
< Ragazzi, il dovere ci chiama. Vasco, te e Giovanni oggi fate l'interregionale delle 09, 35 per Ventimiglia fino a Brignole e al ritorno l'intercity delle 15, 10 fino a Pisa. Tra l'altro, sull'intercity troverai la 444 035, la tua preferita. Per finire il regionale delle 18, 32. > disse consegnando il foglio di servizio.
Tanti saluti, tanti abbracci e poi via con Giovanni verso la loro locomotiva.
Soliti controlli di routine poi:
< Vai Giovanni, andiamo a prendere il treno.>
< Vasco oggi non voglio fare niente. Tocca a te. >
Manovrò tra gli scambi con la solita perizia e meticolosità fermandosi a pochi centimetri dai respingenti del treno in sosta; aspettò che il manovratore passasse sotto i respingenti per entrare nel "rettangolo di Berna" e poi mosse la locomotiva fino a spingere contro i respingenti della prima vettura per facilitare l'aggancio e la connessione delle tubazioni.
Il manovratore, terminato l'aggancio, passò sotto i respingenti e:
< Tutto a posto Vasco. Ho saputo che questo per te è l'ultimo giorno. Buona pensione.>
< Grazie Alberto. Giovanni prendi i moduli di viaggio che li riempiamo.
C'è sempre qualcosa da fare su una locomotiva e i due macchinisti erano ancora indaffarati a controllare livelli e apparecchiature, quando il capostazione bussò alla fiancata con la paletta.

12345678

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 19/09/2013 18:53
    Apprezzato e piaciuto questo tuo bellissimo seppur lunghissimo, quindi mi permetti di averlo a tratti solo letto, ne la speranza di aver colto il nesso.

1 commenti:

  • Chira il 16/09/2013 09:10
    Un riposo che arriva dopo un lavoro molto amato. I termini tecnici, propri, quel toccare la locomotiva per sentirne la temperatura, la maestria e il rispetto che si sente verso ogni cosa riguardi quel mondo riempie il racconto che si addolcisce di tenerezza con la poesia dell'immagine di Rosa. Rosa è come un filo rosso in questa narrazione, accompagna l'ultimo giorno di lavoro del suo uomo come fosse presente... e poi, alla fine, quei fischi del treno a salutarla... Grande Marcello! ti avevo conosciuto ironico e sorridente ma... non scherzi mica anche con la nostalgia?!